Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

Vuoi realizzare annunci Google nel SEE e nel Regno Unito? Evita di perdere entrate implementando subito questa modifica

Il seguente articolo ti aiuterà: Vuoi realizzare annunci Google Ads nel SEE e nel Regno Unito? Evita di perdere entrate implementando subito questa modifica

Scopri i nuovi aggiornamenti Google per editori e sviluppatori

Google ha rilasciato alcuni importanti aggiornamenti che gli editori e gli sviluppatori che utilizzano Google AdSense, Ad Manager o AdMob devono essere a conoscenza, soprattutto quando pubblicano annunci per gli utenti nello Spazio economico europeo o nel Regno Unito. A partire dalla fine dell’anno, oltre alle attuali norme sul consenso degli utenti dell’UE, sarà obbligatorio per gli editori e gli sviluppatori Utilizzare un sistema di gestione del consenso (CMP) che soddisfi gli standard di certificazione di Google e si integri con Quadro per la trasparenza e il consenso (TCF) di IAB.

L’importanza di una piattaforma di gestione del consenso (CMP) per gli editori

Per garantire una transizione fluida e la conformità a questi nuovi requisiti, è essenziale comprendere gli aspetti chiave delle modifiche e la tempistica associata. Google ha avviato il processo di certificazione dei programmi di gestione dei contenuti (CMP) che collaborano con i nostri partner editoriali e lavoreremo a stretto contatto con queste aziende per valutare la loro aderenza agli standard di certificazione.

Integrando una CMP certificata da Google, gli editori possono garantire che i loro siti Web e le loro app siano conformi alle più recenti normative sulla protezione dei dati. Ciò include l’ottenimento del consenso appropriato dell’utente prima di visualizzare annunci personalizzati o raccogliere dati utente, in particolare per gli utenti del SEE e del Regno Unito.

Standard di certificazione di Google e integrazione con il Transparency and Consent Framework (TCF) dello IAB.

Gli editori devono assicurarsi di utilizzare una CMP certificata da Google quando pubblicano annunci per gli utenti nel SEE o nel Regno Unito. Questi software di gestione dei contenuti certificati da Google vengono valutati in base a criteri specifici per garantirne la conformità TCF. Tuttavia, è importante notare che, sebbene Google valuti le CMP rispetto ai propri standard di certificazione, la piena conformità al TCF o alle leggi sulla privacy applicabili non viene verificata da Google.

Valutazione CMP per la conformità agli standard di certificazione di Google

Se attualmente lavori con un CMP che non è presente nell’elenco CMP certificato di Google, ti consigliamo di contattare il CMP per informazioni sui suoi piani di certificazione. Determinare se intendono sottoporsi al processo di certificazione per conformarsi ai nuovi requisiti è fondamentale.

L’integrazione dei nostri sistemi pubblicitari con il TCF nel 2020 è stato un passo importante a sostegno degli sforzi del settore volti a migliorare la trasparenza e il consenso degli utenti attraverso un quadro unificato. Ulteriori informazioni sull’integrazione tra IAB TCF e Ad Manager sono disponibili all’indirizzo Articolo del Centro assistenza sull’integrazione dei publisher.

Per aiutare gli editori ad affrontare queste modifiche, abbiamo delineato alcuni dei seguenti passaggi in base a diversi scenari:

Passaggi per gli editori che già lavorano con CMP

Editori che già lavorano con una CMP: se stai attualmente utilizzando una CMP, ti consigliamo di avviare discussioni proattive con il tuo fornitore sul processo di certificazione per garantire una transizione senza intoppi.

Per garantire una transizione fluida e fluida verso i nuovi requisiti di certificazione Google, ecco alcuni suggerimenti aggiuntivi:

Esaminare la connessione del provider CMP: Contatta il tuo attuale fornitore CMP e chiedi informazioni sui suoi piani per la certificazione Google. È essenziale capire se stanno lavorando attivamente per garantire la conformità agli standard di Google e al Transparency and Consent Framework (TCF) dello IAB. Richiedi una tempistica che indichi quando prevedono di completare il processo di certificazione.

Rimani aggiornato sui progressi del CMP: Monitora attentamente gli aggiornamenti del tuo fornitore CMP riguardanti lo stato della sua certificazione. Comunica con loro regolarmente per rimanere informato su eventuali sviluppi, modifiche o azioni richieste.

Valutazione delle prestazioni CMP: Mentre discutete del processo di accreditamento, cogliete l’occasione per valutare le prestazioni complessive del CMP. Controlla se gestisce il consenso dell’utente in modo efficace e fornisce un’esperienza utente fluida. Valutare la capacità del CMP di soddisfare le preferenze di consenso e rispettare le varie normative sulla protezione dei dati di Google e di altre giurisdizioni pertinenti.

Verifica l’integrazione di CMP con i servizi Google: Assicurati che la tua attuale CMP si integri bene con i servizi Google come AdSense, Ad Manager o AdMob. Questa integrazione è fondamentale per acquisire ed elaborare accuratamente i dati del consenso.

Valutazione dell’esperienza dell’utente: Considera l’esperienza utente sul tuo sito web o sulla tua app in relazione alla gestione del consenso. Il banner o il popup di approvazione della CMP è chiaro, comprensibile e accessibile agli utenti? Rivedi il design e il linguaggio utilizzato nell’interfaccia CMP per massimizzare il consenso rispettando le scelte dell’utente.

Piano di conformità: Se il tuo attuale fornitore di CMP ha difficoltà a ottenere la certificazione Google o non ha intenzione di perseguirla, potrebbe essere necessario iniziare a cercare CMP alternativi certificati da Google. Preparati a passare a una CMP conforme prima della scadenza stabilita da Google.

Educa la tua squadra: Assicurati che il tuo team, in particolare quelli coinvolti nella gestione di siti Web o app, pubblicità ed elaborazione dei dati degli utenti, siano consapevoli dell’importanza dei nuovi requisiti di certificazione. Fornire loro formazione e guida per garantire che siano esperti nella gestione efficace dell’integrazione CMP e del consenso degli utenti.

Monitorare gli aggiornamenti del settore: Rimani aggiornato con le ultime novità del settore e gli aggiornamenti riguardanti le normative sulla protezione dei dati e i requisiti di conformità. Essere proattivi nell’adattarti ai cambiamenti ti aiuterà a mantenere un vantaggio competitivo e a dimostrare il tuo impegno nei confronti della privacy degli utenti.

Backup dei dati del consenso: Assicurati che il tuo fornitore CMP disponga di un sistema di backup e recupero dei dati appropriato per le tue preferenze di consenso. Questo è importante nel caso in cui si verifichino problemi tecnici o perdita di dati durante il processo di trasferimento.

Testare la transizione: Prima di implementare completamente il tuo nuovo CMP certificato, conduci test approfonditi per assicurarti che tutto funzioni senza intoppi. Verifica che la CMP gestisca attentamente il consenso degli utenti e che non vi siano interruzioni nella pubblicazione degli annunci o nella raccolta dei dati.

Gli editori sviluppano i propri piani di gestione della qualità: una guida al processo di certificazione

Per gli editori che hanno sviluppato propri programmi di gestione dei contenuti (CMP), è possibile registrare il proprio interesse a completare il processo di certificazione CMP. Informazioni dettagliate sulla certificazione CMP sono disponibili all’indirizzo Centro assistenza Google Per aiutarti a guidarti attraverso il processo.

Ecco una guida completa su come affrontare il processo per ottenere la certificazione CMP:

Valutazione CMP attuale: Prima di intraprendere il processo di certificazione, valuta attentamente la tua attuale CMP. Assicurati che soddisfi i requisiti stabiliti da Google e dal Transparency and Consent Framework (TCF) dello IAB. Identificare eventuali lacune o aree che necessitano di miglioramento per allinearsi agli standard di certificazione.

Consulta la documentazione di Google: Scopri la documentazione fornita da Google in merito alla certificazione CMP. Queste informazioni possono essere trovate nel Centro assistenza di Google, che delinea le linee guida e gli standard specifici di cui un CMP ha bisogno per ottenere una certificazione di successo.

Cronologia della certificazione CMP: Comprendere la tempistica del processo di certificazione. Google potrebbe avere scadenze o intervalli di tempo specifici per il completamento della certificazione. Pianifica e programma le tue risorse di conseguenza per soddisfare questi requisiti.

Presentazione della domanda: Avvia il processo di certificazione inviando la tua CMP per la valutazione a Google. Ciò può includere la fornitura di documentazione pertinente, dettagli tecnici e meccanismi di approvazione utilizzati dal CMP. Presta molta attenzione alle informazioni richieste e assicurati che la tua domanda sia accurata e completa.

Compatibilità tecnica: Verifica che la CMP sia tecnicamente compatibile con i servizi Google, come AdSense, Ad Manager o AdMob. Problemi di compatibilità possono comportare ritardi o possibile rifiuto della richiesta di certificazione.

Trattamento del consenso dell’utente: Spiegare come CMP gestisce efficacemente il consenso dell’utente. Dovrebbe fornire agli utenti opzioni di consenso chiare e accessibili, consentendo loro di fare scelte informate sulla raccolta dei dati e sulla personalizzazione degli annunci.

Conformità alla protezione dei dati: Assicurati che il tuo CMP sia pienamente conforme alle leggi sulla protezione dei dati, in particolare al Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), che regola il trattamento dei dati degli utenti nello Spazio economico europeo. Dimostra come CMP rispetta la privacy degli utenti e protegge i loro dati.

Integrazione del quadro di trasparenza e consenso (TCF): Se possibile, offri al tuo CMP l’integrazione con il quadro di consenso e trasparenza dello IAB. Questo quadro stabilisce gli standard di settore per la gestione del consenso degli utenti e promuove la trasparenza nell’utilizzo dei dati.

Test e validazione: Conduci test completi della CMP per convalidarne la funzionalità e la conformità agli standard di certificazione di Google. Testare scenari e interazioni con gli utenti per identificare e risolvere i problemi prima dell’invio finale.

Contatta Google: Rimani in contatto con Google durante tutto il processo di certificazione. Sii disponibile a rispondere tempestivamente a qualsiasi domanda o richiesta di informazioni aggiuntive. Mantenere canali di comunicazione chiari per garantire un processo di valutazione regolare.

Miglioramento continuo: Considera il processo di certificazione come un’opportunità per migliorare continuamente il tuo CMP. Anche se la tua CMP è inizialmente certificata, apporta miglioramenti continui per fornire la migliore esperienza utente e mantenere la conformità alle normative in evoluzione.

Manutenzione dei documenti: Registrare il processo di certificazione e qualsiasi modifica apportata al CMP. Conserva la documentazione adeguata per dimostrare il tuo impegno verso la conformità e come riferimento per aggiornamenti futuri.

Esplora le CMP certificate da Google per nuove partnership

Se stai cercando un nuovo partner CMP, puoi fare riferimento all’elenco dei CMP certificati Google disponibile su Questa risorsa Che verrà aggiornato regolarmente man mano che sempre più software di gestione agricola verranno certificati. Facendo riferimento a questo elenco, gli editori possono trovare partner CMP che hanno ottenuto la certificazione di Google, indicando che soddisfano gli standard e i requisiti necessari stabiliti da Google e dal Transparency and Consent Framework (TCF) dello IAB.

Sfrutta la privacy di Google e i messaggi di consenso degli utenti

Editori che utilizzano la privacy GDPR di Google e inviano messaggi di consenso degli utenti: ti invitiamo a prendere in considerazione la soluzione CMP più appropriata. Per fornire supporto in quest’area, i messaggi per il consenso degli utenti GDPR disponibili nella scheda Privacy e messaggi per i publisher Ad Manager, AdSense e AdMob sono stati certificati secondo i più recenti requisiti TCF. Sono disponibili ulteriori informazioni sul supporto GDPR e sull’integrazione del TCF per aiutarti a gestire il processo in modo efficace.

SDK User Messaging Platform (UMP) per gli editori di app

Per gli editori di app, oltre alle funzionalità di cui sopra, Google offre un kit di sviluppo software (SDK) per la Piattaforma di messaggistica utente (UMP), che può essere integrato nelle tue app. Scopri di più su come aggiungere l’SDK Google User Messaging Platform (UMP) alle tue app (Ad Manager, AdMob) e creare un messaggio GDPR per le app (Ad Manager, AdMob).

Rimanendo aggiornati su questi aggiornamenti e adottando le misure necessarie per garantire la conformità, gli editori e gli sviluppatori possono navigare in modo efficace nel panorama in evoluzione della trasparenza e del consenso degli utenti nello Spazio economico europeo e nel Regno Unito.

In che modo MonetizeMore può aiutare editori e sviluppatori

In questo contesto, MonetizeMore, in qualità di Partner certificato editore di Google, è pronto a fornire assistenza completa a editori e sviluppatori. Grazie alla nostra esperienza e alla profonda conoscenza delle norme e dei requisiti di Google, forniamo soluzioni di ottimizzazione complete per massimizzare le entrate e garantire la conformità.

Nell’ambito dei nostri servizi, possiamo fornire preziose indicazioni sulla corretta configurazione delle piattaforme di gestione del consenso per allinearle agli standard di certificazione di Google e al Consent and Transparency Framework dello IAB. Il nostro team esperto può aiutare gli editori ad affrontare le complessità dell’integrazione CMP e garantire un’implementazione agevole delle modifiche necessarie.

Sfruttando le nostre capacità tecnologiche, gli editori possono trarre vantaggio dai nostri approfondimenti e consigli per garantire una transizione graduale al software di gestione dei contenuti certificato. Comprendiamo l’importanza della trasparenza degli utenti e della gestione del consenso e le nostre soluzioni sono progettate per aiutare gli editori a rispettare i più recenti standard di settore massimizzando al tempo stesso le entrate pubblicitarie.

Garantisci la conformità e aumenta le entrate monetizzando di più ora iniziando da qui.

Letture correlate:

Mantieni i tuoi annunci conformi al GDPR

Evita sanzioni implementando una finestra di consenso pop-up per rispettare il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Guida alla conformità al Transparency and Consent Framework 2.0 (TCF2.0) per la monetizzazione di altri editori