Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

Varnish vs Redis: scegliere la soluzione giusta p…

Varnish vs Redis: scegliere la soluzione giusta p...

Quando si tratta di ottimizzare le prestazioni di WordPress, la scelta tra “Varnish vs Redis” è una decisione fondamentale. Varnish e Redis sono entrambe preziose soluzioni di caching utilizzate in WordPress, ciascuna con scopi distinti all’interno della Piattaforma

Varnish accelera il caricamento del sito Web memorizzando nella cache e fornendo contenuti statici, mentre Redis ottimizza l’archiviazione e il recupero dei dati, migliorando le prestazioni complessive.

In questo blog esploreremo il ruolo di Varnish e Redis nell’ottimizzazione delle prestazioni di WordPress e ti aiuteremo a decidere se sceglierne una, entrambe o una combinazione di queste soluzioni di memorizzazione nella cache per il tuo sito WordPress.

Cos’è Redis?

Redis è un sistema di memorizzazione nella cache di oggetti di memoria open source utilizzato dai siti Web per accelerare i tempi di caricamento delle pagine. Memorizza nella RAM i dati a cui si accede di frequente, inclusi i risultati delle chiamate API e le query del database. Redis viene spesso scelto rispetto a Memcached per le sue prestazioni eccezionali, velocità e natura intuitiva.

L’integrazione della memorizzazione nella cache Redis nel tuo sito WordPress può migliorarne significativamente le prestazioni e ridurre i tempi di caricamento della pagina.

Cos’è la vernice?

Varnish è un acceleratore HTTP ad alte prestazioni, che funziona come proxy inverso HTTP con memorizzazione nella cache o acceleratore di applicazioni Web. È installato davanti ai server che parlano HTTP ed è configurato per memorizzare nella cache il contenuto.

Varnish Cache è rinomato per la sua velocità eccezionale, che spesso aumenta la distribuzione dei contenuti di un fattore da 300 a 1000 volte, a seconda dell’architettura del server.

Dovrei scegliere Redis o Varnish Cache?

Redis e Varnish sono entrambi strumenti open source. Attualmente, Redis ha un seguito significativo con circa 37.4K stelle GitHub e 14.4K fork su GitHub, mentre Varnish ha una presenza minore con circa 908 stelle GitHub e 216 fork GitHub.

Secondo la community StackShare, Redis gode di una popolarità più ampia, essendo menzionato in oltre 3.000 stack aziendali e quasi 1.800 stack di sviluppatori. In confronto, Varnish è elencato in circa 1.000 stack aziendali e 140 stack di sviluppatori.

In genere, è meglio distribuire Redis e Varnish su server separati anziché condividere risorse con server Web e database. Dovrebbero essere configurati per Utilizzare l’IP della rete privata del tuo server. Se utilizzati insieme, possono offrire prestazioni eccezionali.

DreamHost utilizza sia Redis che Varnish insieme per ottenere prestazioni ineguagliabili. Non sono molti i provider di hosting che sfruttano entrambi, il che rende unico il servizio di hosting WordPress gestito da DreamHost.

Al momento di decidere quale optare, consiglierei di sceglierli entrambi, poiché ciò porterà probabilmente a prestazioni significativamente migliori rispetto alla selezione di uno solo.

Pro e contro di Redis

Professionisti Contro
Cache ad alta velocità Capacità di archiviazione limitata (512 MB) per coppie chiave-valore
Installazione semplice e facile Il recupero dei dati da istanze diverse può essere complicato
Supporta varie strutture dati Potrebbe non essere adatto per l’archiviazione estesa di dati
Funzionalità di memorizzazione nella cache avanzate Capacità limitata di gestire grandi quantità di dati
Utilizza un efficiente algoritmo di hash Redis Potrebbe non eccellere in scenari che richiedono un’ampia archiviazione di dati
Scalabile senza causare tempi di inattività
Open source e noto per la stabilità

Pro e contro della vernice

Professionisti Contro
Acceleratore HTTP ad alte prestazioni Richiede una configurazione più complessa
Funziona come un proxy inverso HTTP di memorizzazione nella cache Si concentra principalmente sulla memorizzazione nella cache dei contenuti HTTP
Velocità eccezionale (aumenta la distribuzione dei contenuti) Potrebbe non essere così versatile nella gestione di vari tipi di dati
Migliora le prestazioni del server web Gli utenti potrebbero richiedere competenze aggiuntive per la configurazione e la messa a punto
Riduce il carico sui server backend
Open source e mantenuto attivamente

In che modo DreamHost utilizza Redis e Varnish?

Come accennato in precedenza, DreamHost utilizza sia Redis che Varnish. Vediamo come.

In che modo DreamHost utilizza Redis?

Tutti i server DreamHost vengono forniti con Memcached come cache degli oggetti predefinita. Tuttavia, WordPress Redis offre un’implementazione più sofisticata e completa che comprende tutte le funzionalità di Memcached introducendo funzionalità aggiuntive.

Redis, o Remote Dictionary Server, funge da database di valori-chiave persistente in memoria, riconosciuto come server della struttura dati.

Ciò che distingue Redis da server simili è la sua capacità di archiviare e manipolare tipi di dati di alto livello, come elenchi, mappe, set e set ordinati.

Come gestire Redis?

  • Accedi alla tua piattaforma DreamHost utilizzando le tue credenziali di accesso.
  • Passare alla barra dei menu in alto e selezionare Server.
  • Scegli il server specifico che desideri gestire.
  • Entro Gestione dei serverclicca su Gestisci servizi.
  • Cambia lo stato di Redis selezionando Abilitare per attivare il servizio. Al contrario, puoi disattivare Redis scegliendo disattivare.

Come DreamHost utilizza la vernice?

I server DreamHost vengono forniti con Varnish preinstallato, così tu e i visitatori del tuo sito web potrete godere di tempi di caricamento più rapidi e di un’esperienza utente premium.

I server DreamHost vengono forniti con Varnish preinstallato, garantendo a te e ai visitatori del tuo sito web tempi di caricamento più rapidi e un’esperienza utente premium.

Come gestire la vernice?

Per impostazione predefinita, Varnish è abilitato su tutti i server DreamHost. L’abilitazione di Varnish sul server attiva la memorizzazione nella cache di Varnish per tutte le applicazioni ospitate su quel server.

Al contrario, disabilitando Varnish sul server si disattiva la memorizzazione nella cache di Varnish per tutte le applicazioni ospitate su quel server.

Puoi seguire gli stessi passaggi per Abilitare E disattivare Vernice come ho definito sopra.

Server di benchmarking con e senza Varnish e Redis di ApacheBench

ApacheBench è uno strumento preinstallato sul server DreamHost. ab è uno strumento di utilità utilizzato per il benchmarking dei server Apache Hypertext Transfer Protocol (HTTP). Il suo scopo principale è fornire approfondimenti sulle prestazioni dell’installazione Apache esistente.

Nello specifico, ab offre informazioni sul numero di richieste al secondo che il tuo server Apache può gestire, offrendo una preziosa impressione delle sue prestazioni complessive.

Diversi punti cruciali devono essere presi in considerazione quando si interpretano i risultati di Apache Bench. Queste considerazioni sono essenziali per definire una strategia efficace per identificare ed eliminare i colli di bottiglia nella nostra applicazione, migliorandone così le prestazioni complessive.

Innanzitutto, dobbiamo prestare attenzione alla metrica Richieste al secondo. Questa metrica indica l’efficacia della configurazione del nostro server web, con un numero più alto che indica prestazioni migliori.

Inoltre, i tempi di connessione (in millisecondi) e la percentuale di richieste servite sono parametri vitali da analizzare. Potrebbe essere necessario regolare le impostazioni del tuo server web per raggiungere i livelli di prestazioni desiderati riflessi in queste metriche. La regolazione fine di questi parametri può essere un aspetto chiave per ottimizzare le prestazioni della tua applicazione.

ab -n 10000 -c 100 http://wordpress-1101925-4014864.cloudwaysapps.com/

Questo comando simula 10.000 richieste utilizzando ApacheBench, con un’impostazione di concorrenza di 100 richieste. Ciò implica che ApacheBench invierà un totale di 10.000 richieste in batch di 100 contemporaneamente.

Qui puoi vedere che le richieste al secondo sono 6955,75

Disabilitiamo Varnish e Redis sul server, testiamolo di nuovo su ApacheBench e vediamo i risultati. Ho testato i risultati 5 volte per ciascuno e ho calcolato la media. Puoi vedere i risultati qui sotto.

Come puoi vedere, il numero di richieste al secondo ne genera di più con Varnish e Redis e il tempo per richiesta è quasi lo stesso.

Conclusione

In sintesi, quando si tratta di migliorare le prestazioni del sito Web WordPress, la scelta tra Varnish e Redis è fondamentale.

Redis eccelle nell’archiviazione versatile dei dati, mentre Varnish accelera la distribuzione dei contenuti web, due componenti fondamentali per ottimizzare la velocità del sito WordPress e offrire un’esperienza utente eccezionale.

L’hosting WordPress di DreamHost si distingue fornendo uno stack tecnologico unico che utilizza Redis e Varnish insieme. Questo approccio integrato è progettato per aumentare significativamente le prestazioni del tuo sito Web WordPress, con tempi di caricamento più rapidi e un’esperienza utente migliorata.

×

Ricevi la nostra newsletter
Sii il primo a ricevere gli ultimi aggiornamenti e tutorial.

Grazie per esserti iscritto!