Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

Oltre 50 KPI e metriche di e-commerce più vitali da testare

Oltre 50 KPI e metriche di e-commerce più vitali da testare

“La maggior parte delle aziende è ricca di dati, ma povera di Informazioni”. Avinash Kaushik, evangelista del marketing digitale presso Google e autore di Web Analytics 2.0.

Lavorare alla cieca senza tracciamento è una ricetta per il disastro. Nel dinamico mondo dell’e-commerce, comprendere le prestazioni della tua azienda è fondamentale per la crescita. È qui che entrano in gioco gli indicatori chiave di prestazione (KPI) dell’e-commerce.

Analizzando questi parametri, puoi comprendere il comportamento dei clienti, identificare le aree di miglioramento e aumentare il valore complessivo che offri. Ciò, a sua volta, porta ad un aumento dei tassi di conversione.

Ricorda, la chiave sta nell’avere i dati giusti a portata di mano, che ti consentono di prendere decisioni informate e guidare il tuo business online verso una scalabilità di successo.

Quindi, senza ulteriori indugi, esploriamo alcuni dei KPI eCommerce più importanti da monitorare nel 2024.

Cosa sono i KPI dell’e-commerce?

I KPI dell’e-commerce sono indicatori chiave di prestazione che possono essere utilizzati per determinare il successo della tua attività. Possono essere utilizzati per monitorare la crescita del tuo business online, le vendite e gli obiettivi di assistenza clienti. Puoi impostare KPI in base ai tuoi obiettivi aziendali.

Attributi KPI e-commerce

Le aziende online utilizzano una serie di strumenti per tenere traccia dei diversi KPI dell’e-commerce. Google Analytics domina il mercato. Tuttavia, come disse una volta Albert Einstein: “Non tutto ciò che può essere contato conta, e non tutto ciò che conta può essere contato”.

Quindi, come puoi assicurarti di aver selezionato i KPI giusti da monitorare?

Ecco un inizio. I KPI che forniscono informazioni utili sulle prestazioni di un’organizzazione hanno i seguenti quattro attributi:

  • Devono creare un impatto.
  • Puoi misurarli con precisione.
  • Devono fornire dati in tempo reale.
  • Devono essere utilizzabili in modo da poter apportare miglioramenti.

Esistono vari esempi di KPI di e-commerce che gli imprenditori misurano per ampliare le proprie attività. Tuttavia, è necessario garantire che questi indicatori chiave di prestazione dell’e-commerce non siano solo qualitativi e quantitativi, ma dovrebbero anche essere in grado di prevedere le prestazioni o fornire una migliore comprensione degli eventi passati.

Abbiamo suddiviso i KPI dell’e-commerce nelle seguenti categorie principali:

  • Saldi
  • Marketing
  • Assistenza clienti
  • Produzione
  • Gestione delle prestazioni del negozio

Perché le metriche dell’e-commerce sono così importanti?

Le metriche e i KPI dell’e-commerce sono di fondamentale importanza per le aziende perché le aiutano a determinare le proprie prestazioni e a monitorare se le operazioni quotidiane supportano gli obiettivi generali dell’azienda. Queste metriche di e-commerce vengono utilizzate dalle aziende per analizzare i dati e ottenere maggiori informazioni sulle funzioni dell’azienda.

I KPI aiutano le aziende ad analizzare e capire cosa stanno facendo di sbagliato e quindi a modificare la loro strategia di conseguenza per rimettere le cose sulla buona strada. Ancora più importante, i dati analizzati impostando i KPI dell’e-commerce possono essere utilizzati per istruire i team di vendita e operativi e migliorare le prestazioni dell’intera azienda.

Come impostare il monitoraggio dell’e-commerce in Google Analytics [Guide]

Elenco dei KPI e delle metriche dell’e-commerce più importanti nel 2024

Ecco un elenco degli esempi di KPI di e-commerce più popolari che possono aiutarti a far crescere il tuo business online con il minimo sforzo.

Metriche di e-commerce per misurare le vendite

I KPI e-commerce più comunemente misurati per le vendite sono:

1. Valore medio dell’ordine (AOV)

Conosciuto anche come paniere di mercato medio, l’AOV ti consente di sapere quanto spendono in genere i tuoi clienti per un singolo ordine. L’AOV ti darà un’idea migliore delle entrate generate da ciascun cliente.

AOV = Entrate totali / Numero di ordini.

2. Utile lordo

È un importante KPI dell’e-commerce e aiuta gli imprenditori a pianificare in anticipo. Ti mostra l’importo del profitto dopo aver sottratto i costi di produzione e distribuzione.

Utile lordo = Costo totale delle merci vendute Importo totale delle vendite.

3. Tasso di conversione (CR)

CR è la percentuale che identifica la velocità con cui le persone acquistano i tuoi prodotti. Se il tuo tasso di conversione è basso, devi ottimizzare il tuo sito web.

Tasso di conversione = (Numero totale di visitatori del sito web / Numero totale di conversioni) X 100

4. Tasso di abbandono del carrello (CAR)

Questo KPI di e-commerce indica quanti visitatori aggiungono prodotti al carrello ma non li effettuano il check-out né li acquistano. Riduci gli attriti nel processo di pagamento per migliorare il tasso di abbandono complessivo del carrello.

AUTO = 1 (Numero totale di transazioni completate / Numero totale di carrelli della spesa) X 100

5. Tasso di conversione del carrello (CCR)

Questo KPI di e-commerce misura quanti visitatori effettivamente completano il processo di pagamento acquistando i prodotti.

CCR = (Conversioni totali / Numero totale di visitatori) X 100

6. Costo delle merci vendute (COGS)

È l’importo che spendi per vendere il tuo prodotto. Ad esempio, i costi di produzione, i salari dei dipendenti, le spese generali e tutti gli altri costi direttamente associati alla distribuzione e alla produzione.

COG = Costi di inventario iniziali (dell’anno) + Costi di inventario aggiuntivi (acquistati durante l’anno) Fine inventario (a fine anno)

7. Valore della vita del cliente (CLV)

Ti dice il valore di ciascun cliente per la tua attività. Rafforzare le relazioni concentrandosi sulla fidelizzazione del cliente per migliorare questo numero. Ti aiuterà a comprendere il costo per acquisizione.

CLV = (Contributo annuale al profitto del cliente X Numero medio di anni come cliente) il costo iniziale di acquisizione del cliente

8. Tasso di abbandono

Per un’attività online, il tasso di abbandono ti consente di sapere con quale ritmo i tuoi clienti abbandonano il tuo marchio o annullano gli abbonamenti.

Formula: inizia sottraendo il numero totale di clienti rimasti alla fine del mese dal numero di clienti all’inizio di quel mese e dividi per il numero totale di clienti all’inizio del mese. Moltiplicalo per 100 per ottenere la sua percentuale e poi moltiplicalo per dodici per ottenere il tasso di abbandono annuale.

9. Costo di acquisizione del cliente (CAC)

Questo KPI e-commerce ti dice quanto stai spendendo per acquisire un nuovo cliente. Puoi misurarlo analizzando la spesa di marketing e il modo in cui viene ripartita per cliente. Minore è il costo di acquisizione, meglio è.

CAC = Costi spesi per acquisire clienti / Numero di clienti acquisiti

10. Tasso di acquisto ripetuto (RPR)

Ti dice il numero di clienti che tornano sul tuo sito web per effettuare un altro acquisto. Può aiutarti a misurare la fedeltà dei clienti e a pianificare le tue strategie di vendita. Un tasso di acquisto ripetuto più elevato è generalmente migliore.

RPR = Acquisti da clienti abituali/Acquisto totale

11. Margine di profitto medio

È la percentuale che rappresenta il tuo margine di profitto in un determinato periodo di tempo. Idealmente, vorresti che il tuo margine di profitto medio aumentasse man mano che la produzione o le vendite aumentano.

Margine di profitto medio = Utile lordo / Reddito

12. Entrate per clic (RPC)

È semplicemente il ricavo medio per ogni clic su tutte le tue campagne pay-per-click. Assegna un valore a ogni clic a pagamento.

RPC = Entrate / Numero totale di clic

13. Frequenza di acquisto

Misura il numero medio di ordini effettuati dai tuoi clienti durante un determinato periodo di tempo. Un ottimo KPI per misurare la fedeltà dei clienti ed evidenziare prodotti o categorie poco performanti.

Frequenza di acquisto = Numero totale di ordini / Numero totale di clienti unici

15. Tempo tra gli acquisti

Mostra quanto tempo impiega un cliente prima di effettuare nuovamente un acquisto da te. È un buon KPI di e-commerce da conoscere poiché ti consente di personalizzare le tue campagne in base ai loro comportamenti.

Tempo tra gli acquisti = Frequenza di acquisto / 365

16. Fatturato delle scorte

Il turnover dell’inventario è un KPI importante e un rapporto finanziario che i proprietari dei negozi di e-commerce possono Utilizzare per determinare il numero di volte in cui il loro inventario viene venduto nel corso dell’anno. Ti aiutano a vedere se la tua azienda ha un inventario in eccesso rispetto ai livelli di vendita complessivi.

Fatturato delle scorte = Vendite nette/Inventario medio al prezzo di vendita

17. Rapporto di inventario detenuto

Questo rapporto o KPI e-commerce può essere utilizzato per determinare il costo medio di mantenimento dell’inventario prima di venderlo. I costi di mantenimento in genere consistono in stoccaggio, manodopera, sicurezza e attrezzature utilizzate per conservare l’inventario. Nella maggior parte dei casi, i costi di mantenimento ammontano al 25-30% del valore dell’inventario.

Rapporto inventario detenuto = Costi di mantenimento/valore medio delle scorte

18. Entrate per visitatore

Questa è un’importante metrica di e-commerce che puoi utilizzare per determinare le entrate medie generate per visitatore. Ad esempio, se il tuo reddito per l’ultimo trimestre è stato di $ 50.000 e hai ricevuto 200.000 visitatori nel tuo negozio di e-commerce, le tue entrate per visitatore saranno $ 0,25 per visitatore.

Entrate per visitatore = Entrate totali/numero di visitatori in un periodo di tempo specifico

19. Margine di profitto netto

Questo è uno dei KPI dell’e-commerce più importanti che misura la redditività del tuo negozio. È il margine di profitto che generi dopo aver effettuato tutte le detrazioni, comprese tasse, spese operative e altro. Il tuo margine di profitto netto indica quanti soldi guadagni dopo tutte le detrazioni.

Margine di profitto netto = (Entrate – costi)/ricavi

KPI e-commerce per misurare il marketing

I KPI e-commerce più comunemente misurati per il marketing sono:

20. Traffico del sito web

Il traffico del tuo sito web si riferisce al numero totale di persone che visitano il tuo sito e-commerce.

21. Sessione media sul sito web

È il tempo medio che un visitatore trascorre sul tuo sito web durante la sua singola visita.

Media Sessioni = Durata totale della sessione / Numero totale di sessioni

22. Visualizzazioni di pagina per sessione

Si riferisce al numero medio di pagine del sito Web visualizzate da un visitatore durante ogni visita. Se sono necessari troppi clic affinché i tuoi visitatori trovino il prodotto giusto, devi rinnovare il tuo design. Una visualizzazione di pagina più elevata per sessione non è positiva per il tuo negozio.

Visualizzazioni di pagina per sessione = Numero totale di visualizzazioni di pagina / Numero totale di visitatori

23. Frequenza di rimbalzo

Questa metrica di e-commerce ti dice quanti visitatori lasciano il tuo sito web dopo aver visualizzato solo una pagina. Mantieni questo numero il più basso possibile.

Frequenza di rimbalzo = Numero totale di visite di una pagina / Numero totale di voci su un sito web

24. Tasso di crescita dell’elenco e-mail

Un altro di quelli importanti metriche dell’e-commerce che richiede la tua acuta attenzione. Puoi calcolare l’elenco di crescita della tua lista e-mail con questa metrica.

Tasso di crescita dell’elenco e-mail = [(Total Number of New Subscribers Total Number of Unsubscribes) / Total Subscribers ] X 100

25. Frequenza di rimbalzo delle e-mail

È la percentuale di email inviate che non sono state recapitate correttamente nella casella di posta del destinatario. Se la frequenza di rimbalzo della tua posta elettronica è elevata, potresti voler passare a un altro fornitore di servizi di hosting di posta elettronica.

26. Tasso di apertura e-mail

È la percentuale di destinatari email che aprono la tua email. Questo di solito ha a che fare con l’oggetto; crea argomenti accattivanti per migliorare il tuo tasso di apertura.

Tasso di apertura e-mail = (Numero totale di aperture univoche / Numero totale di email inviate con successo) X 100

27. Percentuale di clic delle e-mail (CTR)

È la percentuale di destinatari e-mail che hanno fatto clic sui collegamenti forniti nell’e-mail. Se il CTR della tua email è basso, è imperativo rivisitare e determinare il posizionamento dei collegamenti nel modello di email.

CTR = (Numero totale di singoli clic / Numero totale di e-mail aperte) X 100

28. Tasso di conversione e-mail

Si riferisce ai destinatari e-mail che hanno completato un acquisto facendo clic sui collegamenti forniti nelle tue campagne e-mail. Il tasso di conversione delle tue email indica l’efficacia delle tue campagne di marketing in termini di redditività (che, tra l’altro, non è sempre l’obiettivo per la creazione di elenchi di email).

Tasso di conversione e-mail = (Numero totale di conversioni dalle email / Numero totale di e-mail inviate) x 100

29. CTR medio

È il conteggio totale dei clic diviso per l’importo totale delle impressioni. Determina quanto bene i tag del titolo o le meta descrizioni indirizzano il traffico al tuo sito web.

CTR medio = Numero totale di clic ricevuti da un annuncio / Numero totale di impressioni

30. Coinvolgimento sui social media

Ti dice quanto attivamente i tuoi fan o follower interagiscono con il tuo marchio sui social media. Puoi misurarlo in base al numero di Mi piace, commenti e follower.

31. Tasso di crescita degli abbonati

Ti dice quanto velocemente sta crescendo il tuo elenco di iscritti.

Tasso di crescita degli abbonati = [(Current Subscribers – Past Subscribers) / Past Subscribers ] X 100

32. Pay-Per-Click (PPC)

Ti mostra quanto spendi ogni volta che qualcuno fa clic su uno dei tuoi annunci. Puoi utilizzare questo KPI di e-commerce per i motori di ricerca e per le campagne pubblicitarie sui social media. Puoi anche chiamarlo costo per clic (CPC). È una delle metriche di e-commerce più comuni da monitorare.

PPC = Costo pubblicitario totale / Numero totale di annunci su cui è stato fatto clic

33. Costo per conversione (CPC)

Sono i soldi che spendi per trasformare un visitatore in un cliente. Ciò include tutti i costi pubblicitari e le spese di posizionamento. In sostanza, è il costo totale che paghi per un annuncio pubblicitario che alla fine porta a una conversione di successo.

PCC = Costo totale per la generazione del traffico / Numero totale di conversioni

34. Fonti di riferimento

Ti aiuta a identificare quali fonti inoltrano il maggior numero di visitatori al tuo sito web. Può avvenire tramite sforzi organici, annunci PPC o ricerche sui social media.

35. Tasso di fidelizzazione dei clienti

È la percentuale di clienti che in un determinato momento ritornano sul tuo sito web e acquistano. Questa è una delle metriche e-commerce più importanti che ti aiutano a capire se i clienti ritornano o meno.

Tasso di fidelizzazione dei clienti = [(Number of Customers at the End of a Period Total Number of New Customers during That Period) /  Total Number of Customers at the Start of That Period] X 100

36. Conversione per tipo di dispositivo

È il numero totale di conversioni specifiche per un tipo di dispositivo, mobile, tablet o desktop.

37. Attribuzione dei ricavi di marketing

Questo è un importante KPI di e-commerce che ti aiuterà a tenere traccia delle entrate che il tuo marketing sta portando all’azienda. Puoi classificarlo per determinare quante entrate ciascuno dei tuoi diversi capacità di marketing e strategie stanno portando, come il content marketing o l’influencer marketing.

38. Rapporto traffico/lead

Il rapporto traffico/lead ti fornirà informazioni migliori sul rendimento del tuo traffico. Tenere sotto controllo le principali fonti di traffico è molto importante. Il rapporto traffico/lead ti darà un’idea migliore delle pagine che hanno la frequenza di rimbalzo più alta, così potrai modificarle. Il rapporto traffico/contatti ti dirà anche quanto del tuo traffico mostra effettivamente interesse per il tuo prodotto o servizio.

39. Porta al rapporto clienti

Questo è abbastanza autoesplicativo: mostra quanti lead sei in grado di convertire in clienti. Ti aiuterà anche a comprendere le prestazioni del tuo team di vendita.

KPI e-commerce per misurare il servizio clienti

I KPI e-commerce più comunemente misurati per il servizio clienti sono:

40. Punteggio di soddisfazione del cliente (CSAT).

Puoi misurare questo KPI significativo dell’e-commerce in base alle risposte dei clienti ai tuoi sondaggi. Ad esempio: “Quanto sei soddisfatto della tua esperienza?” La risposta arriva da una scala numerica da 1 a 5/10.

CSAT = Somma di tutti i punteggi / Numero totale di intervistati

41. Punteggio netto del promotore (NPS)

Questo KPI fornisce informazioni dettagliate sulle relazioni con i clienti informandoti sulla probabilità che i clienti consiglino il tuo marchio a qualcuno nella loro cerchia. A seconda del punteggio che viene assegnato alla domanda Net Promoter si possono distinguere tre categorie di persone:

  • Promotori = intervistati che danno un punteggio di 9 o 10
  • Passivi = intervistati che danno un punteggio 7 o 8
  • Detrattori = intervistati che danno un punteggio da 0 a 6

NPS = % dei Promotori % di detrattori.

42. Conteggio e-mail del servizio clienti

Si riferisce al numero di e-mail che il tuo team di assistenza clienti riceve dai tuoi clienti.

43. Tempo medio di risoluzione dei reclami

Questo KPI per l’e-commerce rappresenta la quantità di tempo necessaria all’assistenza clienti per risolvere un problema del cliente, a partire dal punto in cui il cliente ti ha contattato per la prima volta con un problema. Queste metriche di e-commerce aiutano a garantire che il tuo servizio clienti risponda tempestivamente.

Media Tempi di risoluzione del reclamo = (Numero di richieste di servizio clienti Numero totale di richieste non risolte) / Numero totale di richieste ricevute

44. Tasso di rimborso/restituzione (RR)

Se il tasso di rimborso o di reso è troppo alto, significa che non sei in grado di soddisfare le aspettative dei clienti nelle pagine dei prodotti o nella procedura di pagamento.

RR = [(Current Value Original Value) / Original Value] X 100

KPI dell’e-commerce per misurare la produzione

I KPI dell’e-commerce più comunemente misurati per la produzione sono:

45. Tempo di ciclo

Identifica il tempo di realizzazione di un singolo prodotto. Questo KPI di e-commerce ti consente di migliorare l’efficienza della produzione con informazioni preziose.

46. ​​Efficacia complessiva delle apparecchiature (OEE)

Questo KPI fornisce informazioni sulle prestazioni delle apparecchiature di produzione.

47. Efficacia complessiva del lavoro (OLE)

Questo KPI è importante quanto l’OEE. Ti fornisce informazioni e approfondimenti sui tuoi macchinari, l’OLE ti informerà sulla produttività del tuo personale che utilizza le tue macchine.

48. Resa

Un semplice KPI di produzione e-commerce. La resa è il numero di prodotti che hai fabbricato.

49. Rendimento First Time (FTY) e First Time Through (FTT)

FTY è indicato anche come rendimento di primo passaggio. È un KPI di e-commerce basato sulla qualità che ti dice quanto è dispendioso il tuo processo di produzione.

FTY = Dividere il numero totale di unità prodotte con successo / numero totale di unità che hanno avviato il processo

50. Numero di eventi o incidenti di non conformità

Quando si tratta di produzione, esistono alcune serie di normative, licenze e politiche a cui le aziende di e-commerce devono conformarsi. Sono generalmente legati alla sicurezza, alle condizioni di lavoro e alla qualità e devi ridurre questo numero per assicurarti di operare nel rispetto delle linee guida obbligatorie.

KPI di e-commerce per misurare la gestione delle prestazioni del negozio

I KPI di e-commerce più comunemente misurati per la gestione dei progetti sono:

51. Ore lavorate

Il numero totale di ore evidenzia informazioni importanti su quanto tempo il tuo team dedica a un particolare progetto. I tuoi manager devono valutare la differenza tra le ore lavorate stimate e quelle effettive per prevedere e finanziare facilmente i progetti futuri.

52. Bilancio

Il tuo budget è la quantità di denaro che assegni per il tuo progetto. Devi assicurarti che il tuo budget sia realistico. Inoltre, potrebbero verificarsi alcuni piccoli aggiustamenti al budget del progetto in base alla sua pianificazione ed esecuzione.

53. Ritorno sull’investimento (ROI)

Questo KPI di e-commerce ti dice quanto i tuoi sforzi hanno fruttato al tuo business online. Questo KPI tiene conto di tutte le tue spese e guadagni. Per semplificare le cose, più alto è questo numero, meglio è.

54. Variazione dei costi

Questo KPI si riferisce all’esame del costo totale rispetto al costo previsto. Ti aiuta a capire dove devi trattenerti e dove dovresti investire di più.

55. Indice di prestazione dei costi (CPI)

Il CPI, come il ROI, ti dice il valore del tuo investimento in risorse.

IPC = Valore realizzato / Costi effettivi

Misurare il successo del tuo e-commerce

Per misurare adeguatamente il successo del tuo business online, ci sono tre obiettivi principali che devi tenere a fuoco:

1. Lavora solo con KPI di e-commerce pertinenti

Devi identificare i KPI di e-commerce giusti per il tuo business online. Per farlo è necessario porsi le domande giuste, come ad esempio:

  • A quale settore appartieni?
  • Gestisci una startup o un’attività consolidata?
  • Quali sono gli obiettivi aziendali per la fase attuale?

Domande simili ti permetteranno di scoprire i KPI chiave dell’e-commerce per il tuo business online e gli obiettivi specifici che desideri raggiungere.

Suggerimento professionale: identifica un KPI principale (OMM) e scegli da quattro a otto KPI di supporto che possono assistere il tuo OMM. Esempi popolari di OMM sono:

  • Valore della vita del cliente (CLV)
  • Costo per acquisizione (CPA)
  • Ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS)
  • Valore per visita

2. Misura i KPI del tuo e-commerce nel modo più accurato possibile

In un mondo in forte espansione tecnologica, in cui quasi ogni giorno emergono soluzioni nuove e migliori, Google Analytics domina ancora quando si tratta di monitorare le prestazioni dei siti di e-commerce. Google Tag Manager consente inoltre di misurare dati KPI di e-commerce personalizzati che risultano utili quando si analizza la posizione di mercato. Consente al tuo team non tecnico di impostare comodamente la raccolta dei dati senza dover accedere al tuo negozio online o confondere il codice del tuo sito web.

3. Imposta benchmark realistici per monitorare il successo

I traguardi o i parametri di riferimento aziendali sono vitali per la crescita del business in quanto forniscono informazioni preziose su quali strategie funzionano e quali no. Ti consente inoltre di misurare il tasso di crescita dei KPI del tuo e-commerce.

Ecco come puoi confrontare i tuoi KPI principali dell’e-commerce in sei semplici passaggi:

  1. Identifica i tuoi obiettivi aziendali a lungo termine
  2. Identifica le prestazioni attuali del tuo sito web
  3. Determina su quali aree devi concentrarti per misurare
  4. Identificare i KPI e i KPI giusti per monitorare il successo
  5. Imposta un itinerario o un programma di benchmarking
  6. Esegui, misura, modifica, ripeti!

Come posso stabilire i KPI per il successo dell’e-commerce?

Per avviare il processo di impostazione degli indicatori chiave di prestazione (KPI) per la tua attività di e-commerce, è fondamentale delineare innanzitutto i tuoi obiettivi. Definisci chiaramente i tuoi obiettivi e identifica le aree specifiche della tua attività che hanno un impatto diretto sul raggiungimento di tali obiettivi. Che il tuo obiettivo sia aumentare le vendite, perfezionare le strategie di marketing o migliorare il servizio clienti, personalizzare i KPI per allinearli ai tuoi obiettivi specifici è fondamentale.

La linea di fondo

Una volta impostati gli obiettivi aziendali e i KPI, è essenziale monitorare e aggiornare tali KPI su base regolare. Per gestire un’attività di e-commerce basata sui dati, è molto importante disporre dei dati di tutti i KPI di e-commerce rilevanti su un unico foglio di calcolo.

Per questo bisogna utilizzare sempre il meglio strumenti per tenere traccia dei diversi KPI dell’e-commerce e utilizzarli in modo efficiente.

Essendo un imprenditore, è essenziale per te visualizzare l’intera performance di marketing sotto un unico ombrello e identificare con precisione quali aree richiedono maggiore attenzione. Le tue prestazioni dovrebbero avere un impatto sulle tue decisioni aziendali e dovresti utilizzare i KPI sopra menzionati per guidare le azioni.

E a questo proposito, ti lasciamo con una panoramica dei KPI dell’eCommerce.

Una panoramica dei KPI dell’e-commerce [INFOGRAPHICS]

Sommario