Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

Intervista con Igor Rudnyk, CEO di Collaborator…

Intervista con Igor Rudnyk, CEO di Collaborator...

In questa intervista, Igor Rudnykl’amministratore delegato di Collaboratore.Proun rinomato mercato per pubblicazioni PR, condivide il suo patrimonio di conoscenze e competenze su una vasta gamma di argomenti, dal link building e SEO al marketing.

Ci accompagna in un viaggio attraverso l’evoluzione del link building, spiegando come l’attenzione si è spostata dalla quantità e velocità alla qualità e al valore. Igor rivela anche le sue tecniche preferite di link building, che includono la creazione di raccolte, l’offerta di strumenti gratuiti e la condivisione di competenze.

In qualità di imprenditore e CEO, Igor condivide le sue esperienze nell’affrontare le sfide legate all’avvio e alla crescita di un’impresa. Fornisce informazioni su come bilanciare i risultati a breve termine con gli obiettivi aziendali a lungo termine.

Infine, condivide le sue intuizioni sul content marketing, discutendo il suo approccio per integrarlo nelle sue strategie SEO e di link building. Condivide le migliori pratiche efficaci e offre consigli a coloro che hanno appena iniziato nel campo del link building o del SEO.

Resta sintonizzato per una conversazione coinvolgente ricca di preziosi spunti e suggerimenti pratici.

Mansoor Khan: Puoi parlarci di te e della tua esperienza di link building e di come si è evoluta nel corso degli anni?

Igor Rudnyk: Il mio viaggio nel SEO è iniziato intorno al 2006, quando ho esplorato vari forum e ho iniziato a seguire corsi sulle pagine Doorway. In realtà, non ho mai creato pagine doorway, ma era un collegamento per capire come funzionano i motori di ricerca e la creazione di siti web.

Ho provato a creare vari siti di nicchia e a monetizzarli. Uno dei miei primi progetti è stato un sito web di bodybuilding, per il quale, da studente, ho condotto interviste con campioni europei e mondiali di bodybuilding, powerlifting, panca e altre discipline. Non è ancora chiaro come ci sia riuscito. 😀

Allo stesso tempo, ho esplorato le opportunità di guadagno online e ho scoperto che era possibile Guadagnare dai propri siti web o fornire servizi. La registrazione nei cataloghi è diventata il mio servizio.

Di conseguenza, per diversi anni ho fornito servizi di registrazione nei cataloghi per la promozione di siti Web e contemporaneamente ho creato siti Web per guadagni tramite pubblicità e vendita di link.

Era il 2012 quando Google Penguin è diventato un grande punto di svolta (sono sicuro che molti lettori non hanno nemmeno sentito parlare di questo aggiornamento).

Prima di ciò, i seguenti fattori erano importanti nel link building:

  • Velocità;
  • Quantità;
  • Ancore;
  • Siti Web e pagine scelti correttamente con PR elevato.

E ora la qualità dei backlink è diventata cruciale. Ha cambiato completamente il gioco. Nel complesso, dopo Google Penguin, si può dire che Google non ha apportato modifiche sostanziali relative ai link. L’attenzione alla qualità viene mantenuta.

Successivamente, ho avuto molte esperienze diverse nella creazione di progetti in diverse nicchie: medicina, costruzione e riparazione, design e così via. Il pubblico di questi progetti era di 1,5-2 milioni al mese.

Più si andava avanti, più i progetti diventavano complessi. Abbiamo acquisito esperienza nello sviluppo di prodotti per gli utenti e, nel tempo, ci è venuta l’idea di creare un mercato per le pubblicazioni PR, che aiuti sia le aziende che i proprietari di siti web. Sono ormai 6 anni che ci lavoriamo e la sensazione è che questo sia solo l’inizio di grandi avventure. 🏃

Ma torniamo alla link building. 😉

Ho testato molti metodi nel corso della mia carriera e li ho descritti nell’articolo “60 strategie di link building”.

Se dovessi evidenziare le mie tecniche preferite di link building, sarebbero:

Creazione di raccolte con esperti della nicchia. Formulando la domanda giusta, puoi costruire grafici e diagrammi basati sulle loro risposte e creare materiale davvero prezioso e difficile da replicare per i concorrenti. Gli esperti condividono questo materiale e il mercato si accorge di te.

Sviluppo di strumenti gratuiti. È davvero difficile creare strumenti gratuiti. Ma se riuscirai a farlo, otterrai moltissimi vantaggi.

In primo luogo, crei valore per gli utenti e loro lo ricorderanno.

In secondo luogo, gli strumenti gratuiti di qualità attireranno backlink organici e semplificheranno il tuo compito.

In terzo luogo, ottenere un backlink alla pagina dello strumento da blogger e siti specifici di nicchia è molto più semplice.

Condivisione delle competenze. Creare corsi gratuiti o condurre webinar di esperti è un metodo impegnativo ma efficace.

Nel complesso, i buoni metodi raramente sono facili. 😃

I webinar offrono opportunità di networking e percorsi aperti per interagire con siti di notizie, calendari di eventi, ecc., che contribuiscono all’acquisizione di backlink.

Un corso di alta qualità può attrarre backlink per anni, influenzando in modo significativo il tuo marchio, la sua notorietà e il tuo SEO.

Ci sono molte altre meccaniche interessanti, ma fermiamoci a queste e andiamo avanti.

Mansoor Khan: Come ti avvicini alla condivisione delle tue conoscenze e competenze con gli altri attraverso i tuoi corsi e le tue conferenze?

Igor Rudnyk: Credo che condividere la conoscenza sia importante. Probabilmente perché all’inizio della mia carriera i blog di altri specialisti SEO erano per me quasi l’unica fonte di conoscenza. Oggi ci sono molte più opportunità oltre al semplice mantenimento di un blog basato su testo.

Ecco perché noi, come squadra, e io, come specialista, facciamo molto in termini di istruzione gratuita:

  • le mie presentazioni a convegni e webinar;
  • creare post di blog di qualità;
  • condurre webinar gratuiti (sono già stati condotti oltre 80 webinar);
  • organizzare conferenze online gratuite (con circa 1000 partecipanti simultanei e migliaia in totale alla nostra conferenza);
  • creare corsi online gratuiti (che sono stati seguiti da oltre 10.000 persone).

Queste iniziative educative sono possibili grazie al nostro team di collaboratori, esperti e partner disposti a partecipare. Siamo loro molto grati per questo.

Mansoor Khan: Puoi parlare della tua esperienza come imprenditore e CEO e di come hai affrontato le sfide legate all’avvio e alla crescita di un’impresa?

Igor Rudnyk: La trasformazione da webmaster a imprenditore è impegnativa e richiede lo sviluppo di competenze completamente diverse. Tuttavia, l’esperienza che ho maturato come webmaster mi aiuta ancora molto.

Il mio compito come imprenditore è identificare i problemi degli utenti e aiutarli a risolverli.

Il mio compito come CEO è attrarre le persone giuste nel team, creare condizioni motivanti per il lavoro, fissare obiettivi e assistere nella ricerca dei percorsi per raggiungerli.

Mansoor Khan: Come rimani aggiornato con gli ultimi sviluppi in ambito SEO e marketing e come incorpori nuove tecniche e strategie nel tuo lavoro?

Igor Rudnyk: Lo scomporrei in più componenti. Ricopro vari ruoli: specialista di link builder, product manager, imprenditore e CEO di Collaborator (nello specifico, manager).

Ciascuno di questi ruoli richiede apprendimento e sviluppo continui. Tuttavia, i canali di apprendimento sono quasi gli stessi in tutti:

  • Crea l’ambiente giusto sui social media: Twitter, LinkedIn; seguire individui che condividono contenuti professionali, utilizzano Instagram o BeReal per contenuti personali;
  • Comunità chiuse: Non necessariamente a pagamento, intendo newsletter via email, comunità Slack private e piattaforme simili. Ma a dire il vero, non ho visto informazioni in queste comunità che non fossero disponibili al pubblico. Si tratta più di concentrare le informazioni in un unico posto;
  • Corsi: Acquistare corsi specializzati per svilupparsi in aree rilevanti è vantaggioso. Nel mio caso, funziona bene per migliorare le mie conoscenze in argomenti specifici;
  • Conferenze: Innanzitutto non sono solo una fonte di informazioni ma un punto di riferimento per comprendere gli esperti della nicchia e conoscerli;
  • Networking e consultazioni: Uno dei metodi principali per migliorare rapidamente la tua comprensione delle questioni necessarie, in modo veritiero e diretto;
  • Libri: Non leggo molto in questi giorni. Ma se stai iniziando la tua carriera, i libri sono uno strumento molto prezioso.

Quando implementi nuove tattiche nel mio flusso di lavoro o nel team, l’approccio migliore è fare un piccolo esperimento, vedere se funziona come previsto e quindi espandere questa tattica per farla diventare una pratica standard o abbandonarla.

Inoltre, accade spesso che un esperimento volto a testare uno specifico meccanismo promozionale possa fallire a causa delle scarse prestazioni. Dovrebbe anche essere considerato; a volte, l’esperimento dovrebbe essere ripetuto più volte.

Mansoor Khan: Puoi parlarci di una campagna di link building particolarmente riuscita a cui hai lavorato e cosa l’ha resa tale?

Igor Rudnyk: È un’ottima domanda.

Uno dei metodi più interessanti è stato creare un file servizio emojiUN Simulatore SERP di GoogleUN Lista di controllo SEOe a Strumento di controllo URL in blocco. Questi sono strumenti gratuiti e utili per specialisti SEO e operatori di marketing.

Come li abbiamo promossi?

Prima di tutto, i servizi dovrebbero essere di alta qualità e utili. Se il servizio è di bassa qualità, allora:

  1. Ci sarà un’elevata frequenza di rimbalzo;
  2. Non ci saranno visite dirette o tramite segnalibro;
  3. Non ci sarà traffico brandizzato.

Tutto ciò serve come prerequisito per un’ulteriore promozione. Quindi, il solito percorso era simile a questo:

  1. Eseguiamo l’ottimizzazione SEO per parole chiave mirate;
  2. Distribuiamo gli strumenti tra il nostro pubblico; riceviamo conferma che i servizi sono di alta qualità e utili; se non riceviamo conferma, allora li miglioriamo;
  3. Ridimensioniamo la distribuzione su vari canali, principalmente attraverso i social media di esperti della nicchia;
  4. Cerchiamo i materiali già esistenti online e negoziamo i collegamenti ai nostri strumenti.

Di solito, un approccio di questo tipo funziona bene e consente di attirare un pubblico dai motori di ricerca:

Consente inoltre di attirare un pubblico dai social media che conoscerà il tuo strumento gratuito e il tuo servizio principale.

I collegamenti ottenuti per questi servizi consentono di migliorare l’autorità del dominio.

Mansoor Khan: Come misuri il successo dei tuoi sforzi di link building e quali parametri usi per monitorare i progressi?

Igor Rudnyk: Le metriche principali sono il traffico al sito web e la sua visibilità nelle classifiche di ricerca di Google.

Se il tuo DR, TF o DA (scegli tu stesso) aumenta, ma le tue posizioni e il tuo traffico non crescono, qual è il punto?

Ulteriori parametri sono:

  • Dinamiche di link building;
  • Qualità dei backlink;
  • Testi di ancoraggio utilizzati;
  • E così via.

Mansoor Khan: Cosa pensi dell’utilizzo delle tecnologie di intelligenza artificiale come ChatGPT nel campo della SEO e del marketing e che impatto pensi che queste tecnologie possano avere sul settore?

Igor Rudnyk: Parlando nello specifico di link building, non vedo come ChatGPT cambierà questo mercato. Secondo me, l’importanza dei link non potrà che aumentare poiché sarà sempre più difficile per i motori di ricerca determinare la qualità del contenuto e l’autorità del suo autore.

Sì, gli strumenti tecnologici di intelligenza artificiale possono in qualche modo semplificare il processo di scrittura di e-mail e testi di sensibilizzazione, ma non rappresentano un punto di svolta.

Se si guarda al mercato da una prospettiva più ampia, ChatGPT e altri strumenti apportano sicuramente molti cambiamenti al processo di creazione dei contenuti. Tuttavia, c’è un grande MA: riguarda principalmente contenuti di bassa qualità o di breve durata.

Per trasformare il contenuto generato in un articolo di qualità (sottolineo che mi riferisco specificamente a contenuti di lunga durata), dovresti:

  1. Esegui il controllo dei fatti perché ChatGPT spesso genera fatti e falsità;
  2. Rimuovi un mucchio di testo non necessario;
  3. Modifica e correggi il testo.

Scrivere un articolo del genere non sarà economico se si calcola il costo totale in base alle ore di lavoro. Inoltre, dovrai affrontare elevati rischi reputazionali se hai un blog aziendale di qualità o una casa editrice.

Quindi, innanzitutto, gli strumenti basati sull’intelligenza artificiale appaiono come ottimi assistenti per la ricerca. Non è un’idea nuova; è ciò a cui è arrivato il mercato.

Va tuttavia notato che i webmaster che mirano a trarre profitto dal traffico di Google hanno trovato una nuova opportunità, poiché la riduzione dei costi di creazione dei contenuti consente la creazione di un numero notevolmente maggiore di siti Web e pagine nello stesso lasso di tempo. Tuttavia, molti si trovano ad affrontare il problema dell’indicizzazione di tali contenuti.

Quindi, se riassumiamo tutto, credo che le tecnologie di intelligenza artificiale nel contesto del lavoro con i siti abbiano già portato ad un aumento dei contenuti di bassa qualità, rendendo ancora più difficile per Google distinguere i contenuti di qualità.

Mansoor Khan: Come riesci a bilanciare la necessità di risultati a breve termine con gli obiettivi a lungo termine della tua attività, in particolare nel frenetico mondo della SEO e del marketing?

Igor Rudnyk: Dipende innanzitutto dal carattere dell’imprenditore. Alcune persone si sentono a proprio agio con progetti a breve termine e prevedono l’umore di Google. E altre persone si sentono più a loro agio giocando una partita lunga. Appartengo al secondo gruppo.

La risorsa più preziosa del progetto in termini di SEO e marketing è il marchio e il traffico brandizzato. Se hai traffico brandizzato, hai utenti e forse gli piaci anche)

Avendo un obiettivo a lungo termine sotto forma di traffico brandizzato, elimini immediatamente approcci e tattiche eccessivamente rischiose e opti per quelle più sicure.

A seconda della fase dell’attività, devi scegliere se fare qualcosa rapidamente per cercare di recuperare l’investimento qui e ora o fare un investimento a più lungo termine che potrebbe richiedere più tempo per essere ripagato ma fornirà un risultato più sostenibile e duraturo.

Pertanto, credo che la maestria della gestione del marketing risieda nell’eseguire costantemente azioni regolari che producano risultati stabili. Tuttavia, allo stesso tempo, dovresti stanziare un budget per progetti di marketing specifici che creino interesse attorno al tuo prodotto per attirare un pubblico nuovo e più ampio.

Mansoor Khan: Come affronti il ​​content marketing nelle tue strategie SEO e di link building e quali migliori pratiche hai trovato efficaci?

Igor Rudnyk: Il content marketing dovrebbe essere diviso in interno ed esterno. Abbiamo già discusso degli aspetti interni, come lo sviluppo di un blog, la creazione di corsi e la conduzione di webinar e conferenze.

Esterno: intendo l’interazione con altri blog, editori e influencer. È un compito impegnativo. Il nostro obiettivo è garantire che quando qualcuno cerca uno strumento di distribuzione di contenuti, desidera inserire un articolo su un sito Web esterno o esegue attività di creazione di collegamenti, si ricordi di Collaborator.

Per far sì che ciò accada, dovremmo Utilizzare molti canali: SEO, Google Ads, pubblicità mirata, campagne e-mail, podcast, leader di pensiero, ecc.

Quindi, ti consiglio di scegliere i canali che sai come utilizzare in modo efficace. Il nostro stack di canali attualmente si presenta così:

  • SEO;
  • Annunci Google;
  • pubblicità mirata;
  • social media dell’amministratore delegato;
  • social media del Collaboratore;
  • marketing attraverso progetti ed eventi formativi;
  • marketing via email;
  • marketing di contenuti esterni.

È davvero molto e occorre stabilire delle priorità. I nostri cambiano di volta in volta.

Se parliamo di content marketing nel senso più tradizionale per gli specialisti SEO, ti consiglio di concentrarti sulle recensioni del tuo prodotto da parte di leader di pensiero. È un percorso impegnativo, ma ha un valore inestimabile se hai un prodotto SaaS o un negozio online e puoi offrire qualcosa per ottenere una recensione.

In primo luogo, attiri l’attenzione del pubblico.

In secondo luogo, ottieni conversioni sul tuo sito web e generi fattori comportamentali.

In terzo luogo, ottieni backlink.

Inoltre, le persone troveranno questa recensione nei motori di ricerca se la ottimizzi.

Come bonus aggiuntivo, imparerai la verità sul tuo prodotto e sarai in grado di migliorarlo. Se un blogger non dice la verità, i commenti lo riveleranno sicuramente).

Mansoor Khan: Che consiglio daresti a qualcuno che ha appena iniziato nel campo del link building o del SEO?

Igor Rudnyk: Il rischio più grande è imparare, leggere e non fare costantemente nulla. Ecco perché ti consiglio di trovare uno o due corsi SEO, completarli e iniziare a creare qualcosa e acquisire esperienza. Farai degli errori e perderai soldi, ma va bene così perché otterrai anche i primi risultati e guadagnerai soldi.

Quindi il mio consiglio è: inizia a creare. Se puoi coinvolgere un mentore o un collega esperto nel tuo percorso, fallo. Sarà davvero fantastico.

Grazie! Ti auguro successo e ispirazione infinita! 😀