Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

Dropbox applica piani a consumo a causa dell’uso improprio del piano illimitato

Nota: il seguente articolo ti aiuterà con: Dropbox applica piani a consumo a causa dell’uso improprio del piano illimitato

Dropbox, fornitore leader di servizi di archiviazione cloud, ha annunciato un cambiamento significativo al suo piano Advanced, passando da una politica “tutto lo spazio di cui hai bisogno” a uno spazio di archiviazione misurato con un limite di 15 TB, con ogni licenza attiva aggiuntiva che ottiene un extra 5TB.

I disagi saranno minimi per i clienti che rientrano nella maggioranza (oltre il 99%) che utilizzano meno di 35 TB di spazio di archiviazione per licenza. Possono mantenere la quantità di spazio di archiviazione esistente e ricevere un credito aggiuntivo di 5 TB di spazio di archiviazione in pool per cinque anni senza costi aggiuntivi rispetto al piano attuale.

Per la minoranza (meno dell’1%) dei clienti che utilizzano 35 TB o più di spazio di archiviazione per licenza, Dropbox ha promesso una transizione senza intoppi. Questi utenti potranno mantenere la capacità di storage attuale al momento della notifica e ricevere un credito aggiuntivo di 5 TB di storage in pool per un anno (fino a un massimo di 1.000 TB), senza costi aggiuntivi.

Inoltre, saranno disponibili per l’acquisto componenti aggiuntivi di archiviazione, che offriranno 1 TB di spazio di archiviazione per $ 10 al mese con un piano di pagamento mensile o a $ 8 al mese se acquistati annualmente. La migrazione dei clienti esistenti alla nuova policy inizierà il 1° novembre e gli utenti riceveranno un’ampia notifica prima della data di migrazione.

Questa trasformazione arriva come risposta al crescente uso improprio del piano Advanced per scopi estranei al suo intento originale incentrato sul business.

Anche Google Workspace for Education ha introdotto un piano limitato per i suoi utenti.

Annunciato Dropbox che il piano Dropbox Advanced è stato inizialmente progettato principalmente per le aziende e forniva agli utenti una capacità di archiviazione illimitata, soddisfacendo le diverse esigenze di archiviazione man mano che i team si espandevano. Pur riconoscendo che un simile approccio potrebbe portare a modelli di utilizzo non uniformi, Dropbox ha incoraggiato i propri clienti a utilizzare la piattaforma per le loro attività essenziali.

Tuttavia, la società ha osservato che il piano veniva utilizzato per attività al di fuori dell’ambito previsto, come il mining di criptovalute e Chia, il pooling di storage personale e persino la rivendita di storage non autorizzata. Questo comportamento si è notevolmente intensificato alla luce di cambiamenti politici simili da parte di altri servizi come Google. Dropbox ha notato che tali utenti consumavano sostanzialmente più spazio di archiviazione rispetto ai clienti aziendali legittimi, minando così l’affidabilità del servizio per tutti gli utenti.

“Abbiamo osservato che clienti come questi spesso consumano migliaia di volte più spazio di archiviazione rispetto ai nostri veri clienti aziendali, il che rischia di creare un’esperienza inaffidabile per tutti i nostri clienti. È importante sottolineare che la nostra politica per Advanced è sempre stata quella di fornire tutto lo spazio di archiviazione necessario per gestire un’attività o un’organizzazione legittima, non uno spazio di archiviazione illimitato per qualsiasi caso d’uso”, ha osservato Dropbox.

Sebbene Dropbox disponesse di politiche antiabuso preesistenti, ha ritenuto poco pratica la creazione e l’applicazione di casi d’uso dettagliati “accettabili” e “inaccettabili” per il piano Advanced. Pertanto, è stata presa la decisione di passare dal modello di stoccaggio illimitato a un approccio basato su contatore, segnando una mossa strategica per frenare l’abuso.

Il gruppo cinese Flax Typhoon sta prendendo di mira le organizzazioni di Taiwan