Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

DreamHost intervista lo sviluppatore e il creatore di Laravel…

DreamHost intervista lo sviluppatore e il creatore di Laravel...

Dennis Smink è uno sviluppatore freelance olandese, che scrive spesso di Laravel e SaaS. Con un’Esperienza di quasi 3 anni nella comunità, Dennis ha avuto una grande influenza e un modello per molti futuri sviluppatori Laravel.

Shahzeb: Ciao Dennis, grazie per aver dedicato del tempo a questa intervista. Prima di iniziare, puoi raccontarci qualcosa di te in modo che i nostri lettori possano conoscerti meglio?

Dennis: Sì certamente! Il mio nome è Dennis Smink. Ho 31 anni e vivo nei Paesi Bassi con mia moglie e mio figlio di 2 mesi. Sono un libero professionista a tempo pieno nello sviluppo di siti Web/app e un vigile del fuoco volontario!

Shahzeb: Puoi condividere il tuo viaggio con Laravel? Hai qualche esperienza della tua carriera che trovi interessante e che vorresti condividere con il nostro pubblico?

Dennis: Ho scoperto Laravel nel 2014 mentre svolgevo un lavoro diverso. Ricordo che la versione 5 era appena stata rilasciata. La mia vecchia azienda ha deciso di dedicarsi completamente a Laravel e io sono arrivato. Proveniente dallo sviluppo di app PHP vanilla e siti Web WordPress, Laravel è stata una boccata d’aria fresca, anche se c’era una curva di apprendimento.

Shahzeb: Quali sono state le sfide principali che hai dovuto affrontare all’inizio della tua carriera e come le hai affrontate?

Dennis: Penso che la sfida più grande che ho incontrato sia stata lavorare insieme a un team di programmatori e alle loro opinioni. Ogni sviluppatore aveva una certa preferenza su come sviluppare una parte specifica di codice e ho visto che questo causava conflitti tra i colleghi. La situazione non si è mai intensificata, ma ha sollevato alcune discussioni inutili.

Shahzeb: Hai creato alcuni strumenti PHP impressionanti come Documentatore E Larabug. Come ti sono venute queste idee?

Dennis: Documentator è stato il risultato di grattarmi il prurito, in pratica. Avevo bisogno di un buon modo per creare la documentazione per l’API per ploi.io e ho pensato di creare lo strumento da solo in modo da poter documentare anche altri strumenti. So che ci sono molti altri strumenti open source e soluzioni a pagamento, ma li ho sempre trovati troppo ingegnerizzati e complicati. Avevo solo bisogno di qualcosa di semplice che funzionasse.

Larabug è un’altra storia! Ho iniziato quel progetto nel 2016 e mi sono concentrato completamente sul monitoraggio delle eccezioni di Laravel. Questa idea mi è venuta dopo aver visto un pacchetto che raccoglieva eccezioni PHP e le riportava alla tua email che potevi configurare in un file di configurazione. Ciò mi ha fatto pensare: “Perché non segnalarli semplicemente a un’API che raccoglie i dati e li rappresenta all’utente?”

E così ho fatto. Proprio di recente siamo diventati completamente open source in modo che anche altri possano contribuire, e lo sono! Il progetto cresce ogni mese ed è bello vedere molti utenti tenere traccia correttamente delle proprie eccezioni.

Shahzeb: Cosa ti ha fatto pensare di sviluppare Larabug?

Dennis: Ci ho pensato dopo aver visto un pacchetto che raccoglieva eccezioni PHP e le riportava alla tua email che potevi configurare in un file di configurazione. Ciò mi ha fatto pensare: “Perché non segnalarli semplicemente a un’API che raccoglie i dati e li rappresenta all’utente?” E così ho fatto. Proprio di recente siamo diventati completamente open source in modo che anche altri possano contribuire, e lo sono! Il progetto cresce ogni mese ed è bello vedere molti utenti monitorare correttamente le proprie eccezioni.

Shahzeb: Quali sfide hai incontrato durante lo sviluppo di Larabug?

Dennis: La sfida più grande è stata quando Larabug ha iniziato a crescere e le richieste API hanno iniziato ad arrivare. Perché ovviamente, più erano gli utenti e i progetti, più chiamate API avrei ricevuto. Avrei dovuto essere in grado di gestire tutte quelle richieste, il che significava eseguire l’upscaling dei lavoratori per PHP FPM ed elaborare le eccezioni in coda per rendere la richiesta FPM il più breve possibile.

Shahzeb: Quali pensi siano i principali vantaggi che gli sviluppatori ottengono dagli strumenti Documentator e Larabug?

Dennis: Trasparenza, soprattutto per Larabug. È completamente open source e sei libero di ospitarlo per te stesso (anche se sarebbe un peso). Lo considero un enorme vantaggio in quanto puoi vedere completamente quale codice è presente su larabug.com e il pacchetto che installi nel tuo progetto.

Documentator ha un vantaggio principale secondo me: la semplicità. Non è un prodotto che ha molte funzionalità e questo è ciò che lo rende potente.

Shahzeb: Hai una vasta conoscenza dello sviluppo di Laravel. Cosa ti ha motivato a diventare uno sviluppatore web Laravel? Chi sono stati i tuoi mentori e ispirazioni in questo viaggio?

Dennis: Come ho detto, il mio vecchio lavoro ha iniziato a Utilizzare Laravel e in realtà l’ho seguito. Non avevo alcuna esperienza con Frameworks (tranne una piccola parte di Yii). Oltre a ciò, poiché l’azienda era nuova per Laravel, eravamo i nostri mentori e colleghi. Ciò ha reso anche il team molto più unito, poiché abbiamo dovuto imparare tutti insieme un nuovo framework.

Shahzeb: Quali strumenti usi durante lo sviluppo di Laravel? Qual è il tuo flusso di lavoro?

Dennis: Utilizzo i seguenti strumenti:

  • PhpStorm
  • Torre GIT
  • TabellaPlus
  • HELO (intrappolamento della posta)
  • iTerm
  • Valletto di Laravel

Il flusso di lavoro di base che utilizzo quando creo una nuova app, ad esempio, è più o meno questo:

  • Sviluppa l’applicazione o la funzionalità in PhpStorm
  • Controlla manualmente le query N+1
  • Scrivi test
  • Esegui dei test
  • Se i test sono positivi, eseguire il push su GIT
  • Distribuire

Shahzeb: Quale tipo di web hosting preferiresti? Secondo te, quali sono i vantaggi di ospitare un sito su un fornitore di soluzioni gestite piuttosto che su un hosting condiviso convenzionale?

Dennis: Consiglierei sempre di utilizzare un provider cloud con il proprio server anziché un hosting condiviso. Questo perché l’hosting condiviso presenta diversi limiti, come la disponibilità limitata delle estensioni PHP e nessun accesso SSH. Queste sono tutte cose che vuoi avere quando sviluppi la tua applicazione. Naturalmente, per la tua installazione generica di WordPress l’hosting condiviso potrebbe andare bene.

Un fornitore di servizi cloud con il tuo server ti offre molto più controllo sulla tua applicazione e simili.

Shahzeb: Cosa ne pensi delle soluzioni di hosting gestito come DreamHost che forniscono uno stack PHP ottimizzato con funzionalità per distribuire le proprie app Web?

Dennis: Sono grandi! Utilizzo il mio SaaS nella gestione dei server e posso solo consigliarlo. Questi strumenti ti danno sempre un ottimo vantaggio quando si tratta di configurare il tuo server.

Shahzeb: In quanto vigile del fuoco professionista che lavora come sviluppatore a tempo pieno, come riesci a mantenere un equilibrio tra lavoro e vita privata?

Dennis: Vivo giorno per giorno. Non pianifico molto in anticipo (tranne gli appuntamenti dal dentista, per esempio). Se noto che c’è un argomento specifico nella mia vita che necessita di maggiore attenzione, mi concentrerò maggiormente su quello e mi limiterò a far galleggiare la mia barca. Non ho una mentalità rigida su come dovrebbe essere il mio equilibrio tra lavoro e vita privata. Finché sto bene io, la mia famiglia sta bene e i miei clienti stanno bene: va tutto bene!

Shahzeb: Chi dovremmo intervistare dopo e perché?

Dennis: Posso consigliare Mike Slaat da UpVoty. Gestisce una bella comunità SaaS e proprio di recente ha iniziato a vloggare su Youtube sulla sua vita e sul suo lavoro.

Shahzeb: Dennis, sono sicuro che molte persone hanno preso appunti. Sono anche sicuro che adorerebbero vedere una foto della tua postazione di lavoro se desideri condividerne una!

Dennis: Certo, ecco a te!

Shahzeb: Grazie ancora, Dennis!

Dennis: Di niente Shahzeb, e grazie anche a te!

×

Ricevi la nostra newsletter
Sii il primo a ricevere gli ultimi aggiornamenti e tutorial.

Grazie per esserti iscritto!