Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

Cos’è Google FLoC? | La migliore guida per gli editori

Il seguente articolo ti aiuterà: Cos’è Google FLoC? | La migliore guida per gli editori

Questo post è stato aggiornato l’ultima volta il 18 gennaio 2024

un sommario

Aumentare la trasparenza e la privacy è una priorità per le piattaforme pubblicitarie e per i browser web.

Queste nuove misure sono il modo con cui Google risponde alle stesse preoccupazioni sollevate da altri browser.

All’inizio di quest’anno, Google ha annunciato la rottura con i cookie di terze parti, ma ha anche notato la necessità di creare soluzioni pubblicitarie per evitare che le piattaforme pubblicitarie sfruttino altre pratiche di tracciamento più intrusive come il rilevamento delle impronte digitali del browser.

Il risultato di questi sforzi ha portato al progetto Google Chrome chiamato “FLoC“Noto anche come Federated Cluster Learning.

L’approccio FLoC di Google consentirebbe ai dati di navigazione di risiedere all’interno di ogni singolo browser anziché essere aggregati e trasmessi da un sito all’altro.

FLoC assegnerà quindi i singoli browser a gruppi (o cluster) più grandi di tonnellate di utenti in base a questi dati di navigazione.

Spiegazione di Google FLoC: apprendimento federato per cluster

Google FLoC è un’API di Chrome che consente a editori e inserzionisti di indirizzare in modo anonimo gli utenti per gruppo di interesse in base alla loro navigazione, al comportamento passato, ecc.

È conforme al GDPR solo quando l’utente dà il consenso al trattamento e alla raccolta dei dati. Per gli utenti dell’UE là fuori, è successo con CMP (Consent Management Platform).

La Piattaforma di gestione del consenso è la finestra pop-up che vedi sul sito che chiede il consenso al tracciamento dei dati.

Per gli utenti dell’UE protetti dalle stringhe di consenso GDPR che vedono su tutti questi siti Web, esiste un’iniziativa chiamata Privacy Sandbox.

Privacy Sandbox spinge CMP a livello di browser anziché a livello di singolo sito Web in modo che gli utenti possano dare o meno il consenso una volta invece di un numero indefinito di volte su tutti i siti Web visualizzati.

Quello che devi sapere è che gli utenti approvati valgono di più degli utenti non approvati.

Se l’utente non acconsente, verranno mostrati solo gli annunci a lui non destinati.

Questi annunci possono essere mirati solo tramite annunci contestuali su tutto ciò che è presente nella pagina.

Ciò che è importante qui è che gli annunci basati sugli interessi tramite opzioni come Google FLoC generano entrate molto più elevate rispetto agli annunci non personalizzati.

Stiamo parlando da 5 a 10 volte in più con Google FLoC qui. Questa è una grande differenza per editori e inserzionisti.

Per gli inserzionisti si tratta di un modo più efficace per effettuare il targeting in base agli interessi.

Se il CMP si sposta a livello di browser e i tassi di consenso diminuiscono, vediamo gli editori rispondere con paywall per tutti gli utenti che non danno il consenso.

Gli utenti dell’UE dovranno quindi decidere se pagheranno un abbonamento per i siti web che desiderano navigare o se aggiungeranno quel sito web a una lista bianca per acconsentire al tracciamento solo per i siti web che utilizzano la maggior parte del tempo.

A partire da ora, Google sta lavorando a una soluzione migliore per FLoC che sia più conforme al GDPR per gli utenti non consenzienti.

Cosa rende Google FLoC diverso dal passato?

Dal punto di vista della privacy, il vantaggio principale è che la cronologia di navigazione dell’utente non sarà più condivisa.

Invece di consentire agli editori di monitorare la cronologia del browser di un abbonato mentre si sposta da un sito all’altro, FLoC conserva la cronologia del browser di una persona e non la rende sicura per nessuno, compreso Google.

Ha mostrato i dati raccolti in precedenza per le opzioni di targeting in termini di affinità e pubblico in-market, oltre a segnalare e monitorare le conversioni.

Prima di approfondire l’argomento, esaminiamo alcuni dei cattivi attori che ottengono Google FLoC dalla maggior parte degli editori.

Google FLoC è davvero così dannoso?

Google FLoC ha ricevuto scarse risposte da editori e inserzionisti sin dal suo lancio.

FLoC è stato criticato per aver sviluppato complessi problemi di privacy in quanto può essere accoppiato con standard di tracciamento più invasivi (impronta digitale del browser) che intendeva aggirare.

Di conseguenza, alcuni potrebbero essere tentati di continuare a monitorare le persone attraverso altri metodi invasivi e quindi aggiungere Informazioni FLoC di Google per ottenere un quadro più completo.

Inoltre, anche se il browser condividerà i dati solo con siti specifici come parte di un gruppo più ampio, alcuni di questi siti saranno in grado di classificare utenti specifici (ad esempio, coloro che accedono o acquistano qualcosa).

In altre parole, i dati dei singoli utenti verranno comunque utilizzati per dedurre informazioni su un gruppo più ampio.

Questi dati potrebbero anche eventualmente essere condivisi più ampiamente.

Poiché Google Ads ha termini e condizioni nella sua piattaforma, questa è una delle maggiori preoccupazioni, ma poiché FLoC è un prodotto Google Chrome, è essenziale tenere presente che fornirà approfondimenti ad altri gestori di annunci, quindi sarà anche il loro.

Idoneità del gruppo modello

Gli annunci non possono essere indirizzati a gruppi che includono qualsiasi tipo di sito Web di nicchia con argomenti sensibili.

La politica di Google sulla pubblicità personalizzata Stati:

“Quando si utilizzano dati sugli interessi o sul comportamento degli utenti per fornire contenuti pubblicitari più pertinenti, è essenziale gestire queste informazioni in modo appropriato.”

Siamo consapevoli che alcuni interessi sono molto delicati e che prendere di mira questi gruppi può avere un impatto negativo sugli utenti.

Gli editori non avranno accesso alle raccolte di campioni che rientrano nelle seguenti categorie:

Identità e credenze: Gli annunci non possono rivolgersi a nessun utente in base a categorie come discriminazione sistemica o stigmi distorti.

Accesso alle opportunità: gli annunci non possono limitare l’accesso alle opportunità in base a pregiudizi culturali.

Lotta o difficoltà: Gli annunci non devono rivolgersi agli utenti in base alle difficoltà che potrebbero incontrare.

Preferenze sessuali: Gli annunci non devono rivolgersi a nessuno in base alla sua esperienza sessuale.

Principi di primo livello di Google FLoC:

  • Un tipico identificatore di gruppo deve limitare il monitoraggio individuale tra i siti.
  • Gli utenti con un comportamento di navigazione affidabile dovrebbero essere evitati nel gruppo tipico.
  • Ogni fornitore ha le proprie funzioni di ottimizzazione. Gli algoritmi di allocazione di massa non dovrebbero essere moderati.
  • Limita l’uso di qualsiasi numero magico. La selezione di un parametro del compito di coorte deve essere comprensibile.
  • Il calcolo di qualsiasi attività di gruppo dovrebbe essere così semplice e veloce che qualsiasi browser possa eseguirla con meno requisiti di sistema.

Spiegazione della sandbox sulla privacy di Google:

Google Protezione della privacy Ha lo scopo di migliorare la privacy dell’utente senza cookie di terze parti pur mantenendo funzionalità pubblicitarie vitali.

Si tratta di un’iniziativa basata sugli standard dei browser in cui ai browser può ancora essere concesso legalmente l’accesso alle informazioni relative al browser.

La Privacy Sandbox e la grande partecipazione di Google nell’ecosistema pubblicitario rappresentano un altro modo per ripristinare le funzioni pubblicitarie programmatiche come reporting, fidelizzazione e targeting dettagliato senza cookie di terze parti.

Google Privacy Sandbox mantiene un “budget per l’integrità dei dati” predeterminato per proteggere la privacy degli utenti.

API del browser di Google Privacy Sandbox

Google FLoC Facilita il targeting dettagliato attraverso i gruppi anziché monitorare la cronologia, i comportamenti, ecc. di ciascun utente.

Proprio come un CAPTCHAOra esiste una “Informativa sulla privacy”. Utilizza token crittografici che rilevano e bloccano le frodi pubblicitarie attraverso l’uso di token di fiducia.

IL API Budget sulla privacy Interrompe il “browser fingering” limitando la quantità di dati utente che un sito può raccogliere dalla modalità sandbox.

API di conversione della scala Memorizza e condivide tutte le statistiche generate dai clic sugli annunci come traffico sulla pagina di destinazione, statistiche sul coinvolgimento, acquisti, ecc.

Remarketing, ovvero FILO È l’abbreviazione di “La prima decisione da attuare a livello locale sulla base dell’esperienza dei gruppi“Supporta campagne di remarketing nel rispetto degli standard sulla privacy.

Cosa significa Google FLoC per gli editori:

Dato che Google sta ancora testando FLoC e probabilmente vedremo presto alcuni aggiornamenti, ecco i principali suggerimenti per gli editori:

# 1. Un futuro senza cookieCon la morte dei cookie di terze parti e il futuro di “Targeting senza cookie“La necessità di dati proprietari è fondamentale. FLoC è la dichiarazione di Google di abbandonare i cookie di terze parti e il targeting del comportamento degli utenti.

È necessario prestare molta attenzione alle iniziative in continua evoluzione di Google!

# 2. Utenti che non utilizzano Chrome: poiché Chrome non detiene l’intero mercato, puoi comunque pianificare altri metodi per gli utenti che non utilizzano Chrome.

# 3. Vantaggio competitivo di GoogleChrome vince qui con la sandbox sulla privacy di Google. Questi aggiornamenti influenzeranno la concorrenza tra Ad Exchange, AdSense e così via, il che potrebbe compromettere le opzioni a disposizione dei publisher.

# 4. Cambia sempre: l’utilizzo dei tipici gruppi FLoC attualmente consente di acquisire il 95% del valore di conversione generato Cookie di terze parti. Tuttavia, la Privacy Sandbox di Google è ancora in fase di aggiornamento e test per migliorare metriche come retargeting, conversioni, coinvolgimento e attributi.

# 5. Il potere dei dati proprietari: Dopo l’apocalisse dei cookie di terze parti, la necessità di acquisire dati proprietari è salita alle stelle. Allora perché i dati proprietari sono più importanti ora?

Le statistiche hanno dimostrato che può aiutare ad aumentare i tassi di CPM.

Vale la pena considerare le iscrizioni incrementali e i parametri relativi al tasso di iscrizione per stare sempre al passo con il futuro imprevedibile che riserva il settore adtech.

È contenuto

Nonostante il lancio, Google FLoC necessita ancora di alcune modifiche e probabilmente si evolverà in base al feedback ricevuto e all’esperienza dell’utente.

Google afferma che le prove iniziali hanno mostrato buoni risultati per le piattaforme pubblicitarie che desiderano aggiornare il proprio sistema di targeting.

I nostri editori devono tenere presente che i cookie proprietari non saranno interessati dalla cosiddetta apocalisse dei cookie, come è diventata comune nel settore della tecnologia pubblicitaria.

Questo è il motivo principale per cui molti si rivolgono ora ai dati di prima parte.

Contrassegnare i propri siti web con il tag generico Google Ads è uno dei consigli forniti da Google stessa.

Sei nuovo qui e stai cercando di superare l'”apocalisse dei cookie” e aumentare le tue entrate pubblicitarie?

Non preoccuparti, possiamo aiutarti!

Abbraccia il futuro senza cookie generando più entrate. Contattaci oggi per iniziare.