Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

Core Web Vitals e SEO: 9 consigli per migliorare il tuo…

Core Web Vitals e SEO: 9 consigli per migliorare il tuo...

Sei stanco dei tempi di caricamento lenti e della scarsa esperienza utente sul tuo sito WordPress? Che si tratti di aumentare i tassi di conversione o scalare il posizionamento nei motori di ricerca, il l’esperienza dell’utente è importante.

Chiediti: quante volte hai lasciato un sito di e-commerce perché ci voleva molto tempo per caricarlo? Siamo stati tutti lì.

Per una migliore esperienza utente, potresti aver già installato alcuni plugin consigliati per la velocità e l’ottimizzazione di WordPress, ma c’è di più: l’inafferrabile Segnali Web fondamentali.

Ma cosa sono? Perché sono così cruciali? E come puoi migliorarli per il tuo sito WordPress?

Se tu sei fatica a vedere il tuo sito web nella prima pagina di Googlequesto blog ti aiuterà a capire in che modo Core Web Vitals e SEO potrebbero guidare il futuro del tuo sito web.

Perché i Core Web Vitals sono importanti?

I Core Web Vitals e la SEO contano perché valutare l’interazione dell’utente e collegarsi direttamente all’esperienza del sito web. L’esperienza positiva stimola le azioni dei visitatori come l’iscrizione, l’acquisto o la richiesta di informazioni. Tempi di caricamento lenti possono indurre i visitatori a partire per i concorrenti.

Google considera i Core Web Vitals un importante fattore di ranking che influenza il posizionamento sui motori di ricerca. Migliore è l’esperienza dell’utente, maggiore sarà il posizionamento del tuo sito web.

Google dà priorità ai risultati di qualità per gli utenti, sottolineandone l’importanza per le metriche dell’esperienza utente. Ecco perché il fattore di ranking Core Web Vitals è importante!

Qual è il punteggio minimo per il superamento dei Core Web Vitals?

Bene Necessita miglioramenti Povero
LCP <=2,5 secondi <=4 secondi >4s
FID <=100ms <=300 ms >300 ms
CLS <=0,1 <=0,25 >0,25
INP (sperimentale) <=200 ms <=500ms >500 ms

Capire come i Core Web Vitals influenzano il SEO

L’aggiornamento sull’esperienza della pagina sottolinea il miglioramento dell’esperienza dell’utente attraverso vari segnali, tra cui navigazione sicura, ottimizzazione dei dispositivi mobili, Utilizzo di HTTPS, nessun interstitial invadente (esperienza pubblicitaria) sui dispositivi mobiliE Segnali Web fondamentali.

Aggiornamento dell’algoritmo dell’esperienza sulla pagina di Google ha iniziato il suo lancioa partire da febbraio 2022 e si concluderà entro nove giorni il 3 marzo 2022. Questo aggiornamento mirava a perfezionare l’esperienza utente integrando queste metriche nei suoi fattori di ranking.

Anche se l’impatto iniziale del nuovo fattore di ranking SEO è stato minimo, gli esperti lo hanno suggerito i siti web lenti rimarrebbero lenti mentre le aziende che enfatizzano l’esperienza dell’utente continuerebbero a trarne vantaggio.

Nel corso del tempo è emersa una tendenza: le aziende legacy hanno riconosciuto la necessità di investire nell’ottimizzazione delle prestazioni a causa dell’ovvia relazione tra prestazioni e ricavi.

Pagine più veloci si traducono semplicemente in esperienze utente migliorate, conversioni più elevate e migliori posizionamenti su Google.

Passando al 2023, Google sta ponendo un’enfasi ancora maggiore sulla Page Experience per la SEO. Sulla base degli ultimi aggiornamenti dell’algoritmo di Google dell’aprile 2023 e degli sviluppi del settore della ricerca, il rapporto sull’esperienza sulle pagine in Search Console è destinato a subire modifiche.

Nel prossimo futuro, questo rapporto si evolverà in una nuova pagina che si collega alla nostra esperienza di guida completa in pagina. Inoltre, gli utenti possono aspettarsi di accedere a una visualizzazione dashboard con i singoli Core Web Vitals e i report HTTPS, che continueranno a essere disponibili all’interno del Console di ricerca.

Come preparare il tuo sito per l’ultimo fattore di posizionamento SEO?

Google sta cambiando il modo in cui classifica i siti web e tu devi evolverti costantemente con esso. L’aggiornamento Page Experience è una parte importante di questo cambiamento.

A partire da 1 dicembre 2023, Google apporterà alcune modifiche ai suoi strumenti. Stanno ritirando il rapporto “Mobile Usability”, il Test di ottimizzazione mobilee il API di test di ottimizzazione mobile.

Ciò non significa che l’usabilità mobile non sia più importante. È solo che ora ci sono modi migliori per verificare quanto il tuo sito è ottimizzato per i dispositivi mobili, come utilizzare Strumento Faro di Chrome.

Nell’aprile 2023, Google ha cambiato il modo in cui guarda i siti web. A Google interessa quanto sia facile per le persone Utilizzare il tuo sito web. Dovrebbe caricarsi velocemente, funzionare bene sui telefoni e spostarsi facilmente.

Google suggerisce di utilizzare strumenti come Rapporto sull’esperienza sulla pagina in Google Search Console per vedere come sta andando il tuo sito web e come puoi migliorarlo.

A proposito, anche il rapporto Esperienza sulla pagina sta cambiando. Presto sarà diverso. Invece di mostrare dettagli specifici, ti fornirà consigli generali su come migliorare il tuo sito web per gli utenti. Questo è positivo perché ti aiuterà a migliorare il modo in cui le persone si sentono quando visitano il tuo sito e il modo in cui viene visualizzato nei risultati di ricerca.

Se disponi di un sito Web WordPress, ci sono alcune cose che dovresti fare per tenere sotto controllo il tuo sito Web con l’aggiornamento di aprile:

  • Scegli un buon tema: scegli un tema semplice che aiuti con cose come il caricamento rapido e l’ottimizzazione per i dispositivi mobili.
  • Ottimizza immagini: assicurati che le tue immagini non siano troppo grandi e si carichino velocemente.
  • Usa la memorizzazione nella cache: utilizza uno strumento speciale per caricare più velocemente il tuo sito web.
  • Correggi JavaScript e CSS: queste cose possono rallentare il tuo sito. Correggili per migliorare la velocità di caricamento della tua pagina.
  • Prova un CDN: reti per la distribuzione di contenuti come CDN Cloudflare può aiutare il tuo sito web a caricarsi più velocemente, soprattutto per le persone che sono lontane dal tuo server.
  • Concentrati sul contenuto principale: assicurati che le cose importanti vengano caricate per prime. Questo è importante per il punteggio di Pittura con contenuto più grande.
  • Fai attenzione con JavaScript: troppo JavaScript può rallentare il tuo sito. Controlla se lo stai usando saggiamente.

Ricorda, tenere sotto controllo il tuo sito web con l’ultimo aggiornamento di Google non riguarda solo Google. Si tratta di rendere il tuo sito migliore per le persone che lo visitano. Se lo fai, anche Google ti noterà e ti ricompenserà con un posizionamento migliore.

Quali sono le metriche Web Vitals più difficili da migliorare per una migliore SEO?

Ora entriamo nel dettaglio dei dettagli prestazionali. Correggere i Core Web Vitals non è facile, soprattutto se hai molti contenuti sul tuo sito. Tra tutti gli importanti parametri CWV, uno è particolarmente formidabile: TTFB (Tempo al primo byte).

TTFB misura il tempo impiegato da un server per rispondere e garantire una risposta rapida e tempestiva può essere piuttosto impegnativo, soprattutto a seconda della struttura sottostante del sito web.

Questa sfida diventa più pronunciata con Siti web di e-commerce. Queste piattaforme spesso lo hanno pagine dinamiche e che cambiano frequentemente. Questa natura dinamica può rendere difficile l’implementazione di strategie di memorizzazione nella cache efficaci. Inoltre, cataloghi di prodotti di grandi dimensioni possono complicare ulteriormente le cose, incidendo in ultima analisi sul Time to First Byte.

Un altro aspetto impegnativo è il Pittura con contenuto più grande (LCP). Questa metrica si concentra sulle prestazioni di caricamento misurando la velocità con cui viene visualizzato il contenuto principale di una pagina. Raggiungere punteggi LCP ottimali può essere difficile ed è un’area che richiede un’attenta attenzione e sforzi di ottimizzazione.

Per alcuni, il Spostamento cumulativo del layout (CLS) presenta una propria serie di sfide. CLS valuta la stabilità visiva di una pagina misurando i cambiamenti di layout imprevisti.

Questo può essere particolarmente complesso da affrontare, soprattutto per i siti Web esistenti con molte risorse e dipendenze. In questi casi, affrontare il caricamento inefficiente delle risorse, come file e caratteri JavaScript, e gestire le risorse che bloccano la visualizzazione diventa cruciale per ottenere punteggi CLS favorevoli.

Affrontare queste sfide in modo efficace può svolgere un ruolo fondamentale nel migliorare le prestazioni SEO e garantire un’esperienza utente più fluida.

Cosa tenere a mente e errori da evitare quando si ottimizzano i Core Web Vitals per la SEO?

Ora esploriamo gli aspetti essenziali da considerare e gli errori comuni da evitare quando si lavora sull’ottimizzazione dei Core Web Vitals per migliorare le prestazioni SEO.

Dare priorità alle tecniche chiave:

Quando si tratta di migliorare i Core Web Vitals, diverse tecniche svolgono un ruolo fondamentale. Questi includono:

  • Caricamento lento: Ottimizza il tuo sito caricando i contenuti mentre gli utenti scorrono, riducendo i tempi di caricamento iniziali.
  • Precaricamento: Anticipa le interazioni degli utenti e precarica le risorse essenziali per un rendering più rapido.
  • CSS critico in linea: Incorpora CSS critici direttamente nell’HTML per accelerare il rendering.
  • Rendering del primo contenuto visibile: Dai la priorità al caricamento del contenuto inizialmente visibile per creare un’esperienza utente più fluida.

Attenzione ai caratteri:

I caratteri possono avere un impatto significativo sulle prestazioni del tuo sito. Un caricamento efficiente dei caratteri implica la considerazione delle famiglie di caratteri, degli stili, dei set di glifi e dei metodi di caricamento. È essenziale trovare un equilibrio tra precaricamento e formati specifici del browser. Potresti trovare utile la nostra guida su come utilizzare i caratteri Google personalizzati in WordPress qui.

Ottimizzazione trascurata:

Rinviare l’ottimizzazione JavaScript è una tecnica comunemente trascurata. Può migliorare significativamente il punteggio di Google PageSpeed ​​Insights (GPSI).

Affronta TTFB e script lato server:

Affrontare il Time to First Byte (TTFB) è estremamente importante Non lo sottolineeremo mai abbastanza. Ottimizza gli script lato server come PHP o SQL, che possono avere un impatto sul TTFB. Sii selettivo nell’utilizzo di page builder, temi o plug-in per migliorare tutte le metriche Core Web Vitals.

Miglioramento costante:

Creare un sito leggero, reattivo e veloce è una sfida continua. L’implementazione regolare delle migliori pratiche come la memorizzazione nella cache delle pagine, la compressione GZIP o Brotli e l’ottimizzazione delle immagini è fondamentale per mantenere tempi di caricamento delle pagine ottimali.

Evita errori comuni:

Quando si cerca l’eccellenza SEO, alcune insidie ​​da evitare includono:

  • Concentrandosi solo sulla home page: Estendi i miglioramenti della velocità della pagina oltre la home page per garantire un’esperienza di pagina completa nell’intero sito.
  • Ottimizzazione della dimensione dell’immagine: Presta attenzione alle dimensioni delle immagini; evitare di caricare immagini di grandi dimensioni che possono incidere negativamente sui tempi di caricamento.
  • Dai priorità alla SEO: Non trattare la SEO come un ripensamento. Rendilo una priorità durante il processo di progettazione web per evitare di compromettere le classifiche.
  • Gestire le modifiche ai permalink: Fai attenzione quando modifichi le strutture dei permalink o sposti/elimini risorse. Implementa reindirizzamenti appropriati per evitare interruzioni.
  • Impatto sull’esperienza utente: Errori di stato HTTP, collegamenti interrotti e popup intrusivi possono compromettere l’UX, influenzando sia gli utenti che le classifiche.
  • Migliora l’esperienza dell’utente: Per creare un’esperienza utente positiva, evita popup e interstitial invadenti che interrompono la navigazione. Garantire la sicurezza del sito astenendosi dall’utilizzare temi o plugin annullati e affrontando potenziali problemi di sicurezza.

Quando si tratta di valutare la velocità e le prestazioni SEO del tuo sito WordPress, sono ampiamente consigliati diversi strumenti affidabili. Ecco gli strumenti essenziali da considerare:

Google Page Speed ​​Insights e Lighthouse

Google Page Speed ​​Insights, Lighthouse e il calcolatore del punteggio Lighthouse sono gli strumenti principali per valutare le prestazioni del tuo sito. Questi strumenti offrono feedback dettagliati sui Core Web Vitals e suggeriscono miglioramenti.

GTmetrix

GTmetrix, che ora integra le metriche Lighthouse, è un’altra opzione preziosa. Fornisce un’analisi rapida e semplice e una prospettiva storica sulle modifiche del tuo sito. È consigliato anche per risolvere i problemi relativi ai tempi di risposta del server.

Scheda “Rete” di Chrome

Per controlli dettagliati e individuazione di opportunità, la scheda “Rete” di Chrome è una risorsa utile. Offre una visione completa degli elementi caricati dal browser, aiutando a ottimizzare le prestazioni.

Test pagina Web

WebPageTest è un potente strumento che offre approfondimenti su vari aspetti prestazionali, tra cui il First Byte Time e l’utilizzo della CDN, insieme ai punteggi Web Vital.

Sucuri SiteCheck

Questo strumento gratuito ti aiuta a garantire la sicurezza del tuo sito web eseguendo la scansione alla ricerca di malware e confermando una navigazione sicura.

Strumento di test ottimizzato per dispositivi mobili di Google

Per valutare la compatibilità mobile, lo strumento Mobile-Friendly Test di Google è una scelta facile da usare ed efficiente.

Pingdom

Pingdom è un altro prezioso strumento che ti aiuta a monitorare la velocità e le prestazioni del tuo sito web. Fornisce informazioni dettagliate sui tempi di caricamento del tuo sito e identifica le aree di miglioramento.

Utilizzando gli strumenti sopra menzionati, puoi misurare efficacemente la velocità e le prestazioni SEO del tuo sito WordPress.

Considerazioni importanti quando si ottimizzano i Core Web Vitals per la SEO

Ottimizzare il tuo sito web per la SEO può essere complesso, ma tenere a mente alcune considerazioni chiave può migliorare notevolmente i tuoi sforzi. Ecco alcuni spunti importanti forniti dagli esperti che possono guidare il tuo approccio:

Dai priorità all’esperienza dell’utente

La massima priorità quando ottimizzi il tuo sito web per qualsiasi aggiornamento di Google è garantire un’esperienza utente eccezionale. Concentrati sull’offerta agli utenti di un’esperienza più rapida, più sicura e più utile, poiché ciò costituisce la base per un’ottimizzazione di successo.

Comprendere l’evoluzione

L’approccio di Google agli aggiornamenti si è evoluto nel corso degli anni. Gli esperti stimano che Google aggiorni il suo algoritmo in giro 500-600 volte all’anno. Considerando che fattori come l’ottimizzazione dei dispositivi mobili e la velocità delle pagine stanno guadagnando importanza, è chiaro che Google pone l’accento sulla velocità dei dispositivi mobili e delle pagine. Stare al passo con queste tendenze è fondamentale per rimanere allineati con la direzione di Google.

Affronta tutti i fattori

Google considera diversi fattori nel classificare i siti web. Trascurare qualsiasi aspetto può influire sul rendimento del tuo sito nei risultati di ricerca. È importante essere consapevoli di questi fattori, valutare le prestazioni e affrontare eventuali problemi che si presentano.

Evitare cambiamenti significativi

Apportare modifiche importanti al tuo sito, come rebranding, modifiche strutturali o alterazioni dei contenuti su larga scala, può interrompere il tuo benchmark e influenzare le tue classifiche. Sii cauto nell’implementare cambiamenti significativi senza considerarne l’impatto.

Come migliorare i Core Web Vitals su WordPress?

Ora che hai una buona conoscenza delle prestazioni del tuo sito web, spostiamo la nostra attenzione sull’esplorazione dei modi in cui puoi effettivamente migliorare i tuoi Core Web Vitals di WordPress.

1. Installa il plugin Core Web Vitals

L’approccio più semplice che puoi adottare è utilizzare un plug-in WordPress Core Web Vitals come Potenziamento del jetpack. È completamente gratuito!

Con questo plugin puoi eseguire complesse attività di ottimizzazione con solo pochi pulsanti. Ecco come:

  1. Nella dashboard di WordPress, vai al file Plugin sezione e fare clic Aggiungere nuova.
  2. Cercare Potenziamento del jetpack e fare clic Installa oraseguito da Attivare.
  3. Una volta attivato, vai su Jetpack e seleziona Aumento. Cerca il verde Iniziare pulsante.
  4. Successivamente, Jetpack valuterà il punteggio attuale delle prestazioni del tuo sito web.

Oltre a Jetpack Boost sono disponibili altri plugin utili per migliorare le prestazioni. Smush: carica lentamente le immagini, ottimizza e comprimi le immagini aiuto nell’ottimizzazione e nella compressione delle immagini, riducendo il tempo di caricamento.

Ottimizzazione automatica è un altro utile plugin che semplifica i file CSS, JavaScript e HTML del tuo sito web per migliorare la velocità di caricamento. Incorporare questi plugin insieme a Jetpack Boost può migliorare ulteriormente le prestazioni del tuo sito.

2. Scegli Hosting WordPress affidabile

La scelta del tuo provider di hosting influenza in modo significativo le prestazioni del tuo sito web. Optare per un host affidabile con tempi di risposta del server rapidi, Archiviazione SSDE memorizzazione nella cache a livello di server per una velocità di caricamento del sito di grande impatto.

Dare priorità tempi di risposta del server bassiidealmente inferiore a 200 ms. Cerca l’archiviazione SSD, che garantisce un accesso più rapido ai dati e affidabilità. Prendi in considerazione la memorizzazione nella cache a livello di server per ridurre il carico del server e aumentare la velocità.

Inoltre, la posizione geografica del tuo provider di hosting Centri dati in relazione al pubblico di destinazione puoi ridurre significativamente la latenza e migliorare l’esperienza utente complessiva. Per prestazioni ottimali, i servizi di hosting WordPress gestiti superano le soluzioni di hosting condiviso, poiché sono adattati specificamente ai siti Web WordPress.

Se stai considerando una soluzione di hosting che soddisfa tutte queste esigenze e altro ancora, DreamHost merita uno sguardo più attento.

Con DreamHost, beneficerai di a pre installato Plug-in per la cache Breeze insieme all’installazione di WordPress e all’integrazione della cache di Varnish sulla Piattaforma DreamHost. Queste funzionalità lavorano in sinergia per aumentare i tuoi punteggi Core Web Vitals.

Per un esempio impressionante, dai un’occhiata al nostro blog di hosting WordPress più veloce per vedere come DreamHost può aiutarti a ottenere risultati sorprendenti Tempo di caricamento 79ms.

3. Usa un tema leggero

Un tema ben ottimizzato è fondamentale per un sito Web che si carica rapidamente.

Scegli un tema minimale e incentrato sulle prestazioni per evitare funzionalità eccessive, codice gonfio e richieste HTTP eccessive. Considera questi suggerimenti per la selezione del tema:

  1. Analisi del sito dimostrativo: Controlla le prestazioni demo del tema utilizzando strumenti come Google PageSpeed ​​Insights o GTmetrix per valutarne le potenziali prestazioni sul tuo sito.
  2. Caratteristiche prestazionali: Dai priorità ai temi con codice ottimizzato, utilizzo minimo di JavaScript e supporto per il design reattivo.
  3. Testare prima dell’uso: Valuta le prestazioni del tema su un sito di prova con i tuoi plugin e contenuti per assicurarti che soddisfi i tuoi requisiti.

Se hai bisogno di aiuto per scegliere il tema migliore, consulta il nostro blog sugli oltre 450 migliori temi WordPress (gratuiti e premium) del 2023.

4. Comprimi le tue immagini

Le immagini spesso influiscono in modo significativo sul tempo di caricamento di un sito web. Per migliorare le prestazioni delle immagini, aderisci a queste strategie efficaci: Scegli formati di immagine appropriati come WebP, JPEG XR o AVIFnoto per una migliore compressione e qualità.

Implementare il caricamento lento per posticipare il caricamento delle immagini fuori schermo, riducendo i tempi di caricamento della pagina iniziale. Comprimi e ridimensiona le immagini utilizzando strumenti come TinyPNG O Immagina. Puoi anche utilizzare i migliori plugin di ottimizzazione delle immagini WordPress.

Infine, installando un CDN like CDN Cloudflare per servire immagini da server vicini riduce la latenza per una migliore velocità di caricamento. Se sei un utente DreamHost, puoi utilizzare la partnership di DreamHost con Cloudflare e attivare il componente aggiuntivo Cloudflare Enterprise CDN, che offre funzionalità CDN di livello aziendale.

5. Minimizza i file CSS e JavaScript

I file CSS e JavaScript possono influenzare in modo significativo la velocità di caricamento del tuo sito web. Per ottimizzare questi file, segui questi passaggi efficaci:

Minimizza e comprimi: migliora la velocità di caricamento del tuo sito web riducendo le dimensioni dei file CSS e JavaScript attraverso tecniche di minimizzazione e compressione. Questo approccio di ottimizzazione accelera le prestazioni del tuo sito.

Inoltre, servizi come Cloudflare Polish e Cloudflare Mirage possono aiutarti a ottimizzare le immagini del tuo sito e a migliorare i tempi di caricamento complessivi.

Combina e in linea: Considera la possibilità di combinare più file CSS o JavaScript in uno solo per ridurre al minimo il numero di richieste. Inoltre, incorpora CSS e JavaScript critici direttamente nell’HTML per ridurre la necessità di richieste separate.

Rimuovere le risorse di blocco del rendering: Identifica le risorse che bloccano il rendering della tua pagina, come file CSS o JavaScript di grandi dimensioni caricati prima del contenuto. Rimuovi o ottimizza queste risorse per migliorare il tempo necessario affinché la tua pagina diventi visibile.

6. Implementare miglioramenti lato server

Le ottimizzazioni lato server svolgono un ruolo significativo nel migliorare le prestazioni del tuo sito. Per raggiungere questo obiettivo, adotta queste pratiche efficaci per ottimizzare la configurazione del tuo server:

Compressione: Attiva la compressione GZIP o Brotli sul tuo server per ridurre le dimensioni dei file e accelerare i trasferimenti. Questo di solito può essere fatto attraverso i file di configurazione del tuo server.

Cloudflare applica la compressione Brotli per accelerare i tempi di caricamento delle pagine per i tuoi visitatori. Abbiamo un blog sulla compressione Brotli vs GZIP. Forse potresti trovarlo utile.

Configurazione della cache: Implementare la memorizzazione nella cache a livello di server e le intestazioni di controllo della cache per alleviare il carico del server. Ciò può comportare la modifica dei file di configurazione del server o l’utilizzo di plugin come Brezza. Noi abbiamo un guida all’installazione e alla configurazione della cache di Breeze WordPress. Potresti trovarlo utile.

Proxy inverso: Considera una configurazione di proxy inverso come NGINX o Varnish. Questa configurazione può ottimizzare le prestazioni memorizzando nella cache i contenuti e distribuendo il carico di lavoro su più server, contribuendo a una migliore scalabilità e reattività.

7. Ridurre al minimo l’utilizzo dei componenti aggiuntivi

Quando si tratta di plugin, un’attenta considerazione è fondamentale. Ogni plugin aggiunge carico aggiuntivo alla tua pagina web, influenzandone potenzialmente le prestazioni generali. Si consiglia di conservare solo i plugin essenziali che servono veramente a uno scopo.

Inoltre, secondo la raccomandazione di Google, si consiglia di puntare ad un tempo di risposta del server inferiore a 600 millisecondi. Ciò indica la rapidità con cui il tuo server risponde alle richieste, contribuendo a un’esperienza utente più fluida.

8. Ottimizza il database WordPress

L’ottimizzazione del database WordPress migliora le prestazioni rimuovendo i dati non necessari e riducendo le dimensioni del database. Segui questi passaggi per un’ottimizzazione efficace del database:

Pulisci i dati non necessari: Rimuovi revisioni, commenti spam e transitori utilizzando strumenti come phpMyAdmin.

Automatizzare la manutenzione: Per mantenere l’efficienza, utilizza i migliori plugin di backup di WordPress come UpdraftPlus per la pulizia automatizzata del database.

Backup regolari: Garantisci la sicurezza dei dati eseguendo regolarmente il backup del tuo database. DreamHost offre backup automatizzati. È possibile impostare una frequenza di backup automatico compresa tra un’ora e ogni sette giorni.

Puoi anche usare SnapShooter come soluzione di backup offsite sicura, facile da usare e conveniente. SnapShooter, in collaborazione con DigitalOcean, estende un’esclusiva Sconto del 20%. ai clienti DreamHost per il primi 3 mesi su tutti i piani con pagamenti mensili.

9. Configura i lavori Cron di WordPress

I cron job di WordPress sono attività in background che gestiscono azioni come aggiornamenti dei plugin, post-pubblicazione programmata e notifiche via email. L’ottimizzazione di questi lavori migliora le prestazioni del tuo sito.

Fare così:

Disabilita Cron predefinito: Riduci l’inefficienza disattivando il sistema cron predefinito di WordPress. Aggiungi define(‘DISABLE_WP_CRON’, true); nel tuo file wp-config.php. Inoltre, pianifica attività che richiedono molte risorse durante i periodi di basso traffico, come la notte o i fine settimana, per mitigare l’impatto sulle prestazioni.

Se hai bisogno di maggiore chiarezza, consulta la nostra guida su come impostare i Cron Jobs di WordPress per i tuoi siti web.

Per esplorare argomenti come l’identificazione degli elementi LCP, la scoperta di insight FID e TBT e la comprensione degli elementi CLS utilizzando Pagespeed Insights, fai riferimento alla nostra guida completa sul miglioramento delle prestazioni di Core Web Vitals.

Riepilogo

Così il gioco è fatto. Se tutto va bene, ora puoi ottimizzare il tuo sito per l’aggiornamento Google Page Experience.

Migliorare i punteggi Core Web Vitals può effettivamente comportare sfide, richiedendo l’applicazione di varie tecniche di performance web, alcune più complesse e dispendiose in termini di tempo di altre.

Tuttavia, ottenere un buon punteggio è perfettamente fattibile.

Attraverso questo articolo hai acquisito approfondimenti da 9 preziosi consigli che aprono la strada al successo.

È giunto il momento per te di mettere in pratica questa conoscenza dei Core Web Vitals e del SEO. Se rimani bloccato lungo il percorso, non esitare a contattarci nei commenti.