Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

Come risolvere l’errore “503 Servizio non disponibile” in W…

Come risolvere l'errore

Non è mai bello vedere il tuo sito web inattivo e irraggiungibile. Detto questo, i messaggi di errore ci aiutano a capire la causa del problema in modo da poterlo risolvere.

Purtroppo questo non è il caso degli errori della famiglia 50x. Questi messaggi di errore sono piuttosto generici e non ci dicono molto sulla causa.

Quindi, come puoi trovare la causa principale dell’errore 503 Servizio non Disponibile in WordPress?

Qual è l’errore “Servizio 503 non disponibile”?

Bene, eccone uno definizione dell’errore dalla Fondazione Mozilla.

Il codice di risposta di errore del server HyperText Transfer Protocol (HTTP) 503 Service Unavailable indica che il server non è pronto a gestire la richiesta.

Le cause più comuni sono un server inattivo per manutenzione o sovraccarico. Questa risposta dovrebbe essere utilizzata per condizioni temporanee e l’intestazione HTTP Retry-After dovrebbe, se possibile, contenere il tempo stimato per il ripristino del servizio.

Le intestazioni relative alla memorizzazione nella cache inviate insieme a questa risposta dovrebbero essere curate, poiché uno stato 503 è spesso una condizione temporanea e le risposte di solito non dovrebbero essere memorizzate nella cache.

Come viene visualizzato l’errore 503 in un browser?

Esistono variazioni di visualizzazione a seconda della configurazione del server e del browser stesso, ma purtroppo nessuno dei messaggi ti dirà di più sulla causa.

Alcune possibili variazioni includono:

  • 503 servizio non disponibile
  • Errore 503 Servizio non disponibile
  • Il server non è temporaneamente in grado di soddisfare la tua richiesta a causa di tempi di inattività per manutenzione o problemi di capacità. Per favore riprova più tardi.
  • 503 Servizio temporaneamente non disponibile
  • Errore del server HTTP 503
  • Errore HTTP 503

Qualunque sia la variazione di visualizzazione, il debug e la correzione comportano gli stessi passaggi.

Perché si verifica l’errore 503?

Dal momento che è abbastanza generico, non esiste una bacchetta magica che puoi agitare per individuare il colpevole. Ma dovresti seguire i seguenti passaggi.

Nonostante alcuni consigli di disattivare immediatamente tutti i plugin, il mio suggerimento è di controllare prima error.log. Se disponi del registro di debug WP, controlla anche quel file per gli errori più recenti.

Questi file possono essere trovati nella cartella public_html sull’installazione di WordPress.

Per accedere utilizzando SFTP, consulta il nostro tutorial su come creare e connettersi al file Utente SFTP.

Se vedi un nuovo messaggio di errore simile a…

/public_html/wp-content/plugins/nome-plugin/classes/requests/post/class.php(31): Logger::format_log(NULL, ‘POST’, ‘Crea Sessi…’, Array, Object(WP_Error), “)

…probabilmente hai trovato il colpevole.

Correggi “Errore servizio non disponibile 503” in WordPress

Dal momento che sappiamo che è a nome-plugin causando problemi, dovrebbe essere disattivato.

Passare a wp-content/plugins/nome-plugin e rinominare la cartella in nome-plugin-nuovo. Ciò disattiverà automaticamente il plugin in modo da avere accesso alla dashboard di WordPress. Il sito web ora dovrebbe funzionare correttamente.

Se ancora non funziona a causa di un conflitto con qualche altro plugin o tema, è il momento di fare ciò che tutti suggeriscono.

Rinominare wp-content/plugins/nome-plugin-nuovo torna a contenuto wp/plugins/nome-plugin. Quindi rinomina wp-content/plugins in wp-content/plugins-new. Ciò disattiverà tutti i plugin e il sito web dovrebbe iniziare a funzionare, anche se probabilmente sarà rotto e non funzionante. Ma almeno puoi accedere alla dashboard e avviare il resto del processo di debug.

Per continuare il debug, rinomina la cartella wp-content/plugins-new in wp-content/plugins per mostrare tutti i plugin disattivati.

Attiva i plugin uno per uno finché non ricevi nuovamente il messaggio di errore. Buon lavoro! Hai trovato il colpevole. Puoi rinominare o eliminare nuovamente il plug-in da SFTP e il gioco è fatto. Ora devi solo trovare un sostituto per il plugin in questione. Oppure potresti contattare il loro supporto e vedere se riescono a risolverlo. Forse è un problema noto con una soluzione comune (Google aiuta molto qui).

E se il colpevole fosse il tema?

Se il tema è il colpevole e non puoi accedere alla dashboard di WP per testarlo, avrai problemi a passare a uno dei temi predefiniti di WP. La disattivazione di un tema attivo modificando il nome della cartella non comporterà l’attivazione di un altro tema ma un sito Web danneggiato. È più semplice con i plugin poiché non sono un requisito come lo sono i temi.

Per cambiare il tema, utilizza phpMyAdmin o il gestore database di DreamHost. Per quest’ultima opzione, segui questi semplici passaggi.

Vai alla dashboard dell’applicazione e Avvia Gestione database.

Nel DB fai clic sulla tabella wp_options nella barra laterale di sinistra.

Trova la riga denominata modello per vedere il nome del tema attivato e fai clic su modifica sul lato sinistro accanto alla casella di controllo.

Cambia il nome in uno dei temi WP predefiniti che hai installato su WP e salva le modifiche.

Ciò attiverà il tema WP predefinito e il sito dovrebbe essere funzionante. Tuttavia, se il tema è il colpevole, ovviamente ne hai bisogno. Contatta il loro supporto e chiedi una soluzione.

Cos’altro puoi fare per correggere l’errore 503?

Risorse

Anche se potrebbe essere possibile aumentare le tue risorse, il sito web sarebbe ostacolato da lunghi tempi di caricamento per un po’. Avrai bisogno di un server più grande con più RAM e CPU.

Se è così e hai davvero bisogno di più risorse, puoi facilmente ingrandire il server dal dashboard di gestione del server in DreamHost. L’hosting WordPress di DreamHost rende questa attività efficiente e senza problemi.

CDN

Se hai attivato la CDN, prova a disattivarla temporaneamente per vedere se questo risolverà il problema. Non è il colpevole più comune, ma vale la pena provare la soluzione.

Limita l’API Heartbeat di WordPress

L’API WordPress Heartbeat tiene traccia degli aspetti vitali di WordPress nel server, consumando alcune risorse in tale processo. Queste risorse non sono insignificanti, quindi limitarle può aiutare. Detto questo, se le Prestazioni dipendono da questa frazione di risorse, avrai più WordPress di cui occuparti.

Per limitare l’API Heartbeat di WordPress in questa situazione:

Accedi al tuo server tramite client SFTP e trova la cartella del tema attivato.

All’interno di quella cartella troverai il file Functions.php. Fare clic destro su di esso e selezionare Modifica.

Nell’editor, aggiungi questo pezzo di codice nella parte inferiore del file.

add_action(‘init’, ‘stop_heartbeat’, 1); funzione stop_heartbeat() wp_deregister_script(‘heartbeat’);

Salva il file e il gioco è fatto.

Riepilogo

Tutti i messaggi di errore della famiglia 500 sono i più generici e i più difficili da risolvere poiché esistono molte possibili ragioni e molte possibili soluzioni. Uno dei motivi può essere che il tuo sito è stato violato e il codice inserito sta consumando risorse. Il mio suggerimento è di assumere un professionista che si occupi del problema, invece di farlo da solo.

×

Ricevi la nostra newsletter
Sii il primo a ricevere gli ultimi aggiornamenti e tutorial.

Grazie per esserti iscritto!