Technologie Gadgets, SEO Tipps, Geld Verdienen mit WEB!

7 tecniche di email marketing B2B per aumentare la conv…

7 tecniche di email marketing B2B per aumentare la conv...

L’email marketing B2B è senza dubbio il metodo più efficace per costruire fiducia e relazioni con potenziali clienti.

Secondo uno studio di Sopro, il 77% degli acquirenti B2B preferisce essere contattato tramite email. Questo è più del doppio di qualsiasi altro canale.

Indipendentemente dal settore in cui opera la tua azienda B2B, le campagne e-mail dovrebbero essere una parte fondamentale della sensibilizzazione e dello sviluppo dei tuoi clienti.

In questo articolo ti spiegheremo esattamente come ottenere il massimo dalla tua strategia di email marketing B2B. Tratteremo i migliori suggerimenti che cattureranno l’immaginazione dei tuoi lettori e aumenteranno le conversioni.

In che modo l’email marketing B2B può aumentare le conversioni?

Le tue campagne di email marketing sono canalizzazioni. Il loro scopo è convincere il tuo lettore a fare qualcosa, che, almeno con l’e-mail marketing e-commerce, è fare clic sul collegamento della pagina di destinazione.

È un po’ diverso per la comunicazione B2B. In questo caso, lo scopo è stabilire un rapporto più formale con i tuoi potenziali clienti.

Il tuo compito è creare un senso di familiarità e mostrare (non raccontare) come i tuoi servizi potrebbero essere fondamentali per Migliorare il loro modello di business.

Tuttavia, gli esseri umani sono creature testarde e siamo giustamente scettici nei confronti di chiunque ci dica cosa fare. Ciò significa che non puoi semplicemente dire a qualcuno di mettersi in contatto tramite il tuo centro di contatto cloud e aspettarsi una risposta.

Per garantire che le tue campagne e-mail siano efficaci, è fondamentale includere a nessuna risposta opzione nelle tue e-mail, consentendo ai destinatari di annullare l’iscrizione o gestire facilmente le proprie preferenze. Ciò dà potere al tuo pubblico e aiuta a mantenere un elenco di posta elettronica sano e coinvolto.

L’obiettivo è che la tua strategia B2B promuova effettivamente le conversioni. Per questo, dovrai scrivere le tue e-mail in un modo che ti faccia sembrare comprensivo e “dalla stessa parte” del tuo lettore.

Richiede una comprensione della psicologia umana e delle tecniche per distinguersi in una casella di posta elettronica affollata. Dovrai educare, coinvolgere e personalizzare i tuoi messaggi per connetterti veramente con il tuo pubblico B2B.

Quindi, analizziamo i principi fondamentali per creare campagne di marketing B2B di successo.

1. Segmenta la tua lista e-mail

La segmentazione della clientela è un principio fondamentale nel marketing. È il riconoscimento che, poiché ognuno ha esigenze diverse, non dovresti inviare lo stesso tipo di email all’intero elenco dei contatti.

Piuttosto, i tuoi clienti B2B dovrebbero essere divisi in gruppi più piccoli e più mirati in base ai tuoi criteri di segmentazione.

Ad esempio, potresti avere una campagna e-mail per il segmento dei “primi potenziali clienti”. Oppure potresti avere una campagna per coltivare affari ripetuti.

Naturalmente, non c’è limite a quanto lontano puoi arrivare con questo. È normale che le aziende inviino un file E-mail “Di nuovo disponibile”. a singoli destinatari di posta elettronica, se sono interessati a conoscere un aggiornamento del prodotto.

Il punto di tutto questo è che puoi arrivare direttamente al motivo per cui stai inviando un’e-mail a qualcuno. Puoi fornire contenuti utili direttamente al tuo pubblico di destinazione, aumentando le tue possibilità di convertire un potenziale acquirente.

2. Crea linee di oggetto coinvolgenti

L’oggetto della tua email fa parte di ciò che i tuoi potenziali clienti vedono nella loro casella di posta. Un buon oggetto dovrebbe stuzzicare la curiosità del cliente target. L’obiettivo è fornire una panoramica dell’argomento dell’e-mail.

Sono lunghi solo da 40 a 60 caratteri, il che significa che dovrai essere pignolo con le parole per creare un’apertura avvincente. Se possibile, prova a evidenziare il tuo punto di forza unico con un pizzico di urgenza. Ciò contribuirà ad aumentare i tassi di apertura delle e-mail.

Tuttavia, è anche importante non sconfinare nel linguaggio eccessivo. Questo non solo infastidirà i tuoi clienti, ma correrà anche il rischio di essere catturati dai filtri antispam della posta elettronica. In effetti, si pensa così 14,3% per questo motivo, di tutte le email non arrivano nella casella di posta del destinatario.

Pertanto, evita di fare affermazioni ingannevoli nelle righe dell’oggetto che non corrispondono al contenuto della tua email. Non solo, ma cerca di limitare l’uso di punti esclamativi e parole chiave come “Gratis” o “Denaro”.

3. Utilizza contenuto dinamico per personalizzare le email

Il contenuto dinamico è un ottimo modo per personalizzare il contenuto per il singolo lettore senza creare più bozze di email. In sostanza, porta la segmentazione della clientela a un livello superiore, promuovendo prodotti e servizi basati specificamente sulle esigenze e sugli interessi del destinatario.

Ad esempio, potresti implementare un elemento dinamico nelle tue e-mail che mostri prodotti simili a quelli precedentemente acquistati dall’account associato a un’e-mail. O, per lo meno, rivolgersi semplicemente al lettore per nome. Una volta che questa automazione sarà operativa, farà una grande differenza con un piccolo sforzo extra.

4. Usa un buon hook come testo dell’intestazione

I tuoi testi di preintestazione sono la seconda parte di ciò che i lettori vedono nelle e-mail. Questo è il testo a destra della riga dell’oggetto. Spesso (ma non sempre) è il primo testo trovato in un’e-mail.

L’oggetto riguarda l’annuncio di te stesso e dell’argomento dell’e-mail. Il testo dell’intestazione dovrebbe piuttosto fornire un motivo per continuare a leggere. Ciò significa che devi scrivere un hook. Ad esempio, potresti rivolgerti direttamente al cliente tramite il suo nome. Potresti accompagnare questo con un invito all’azione sui passaggi successivi. Ad esempio: “Ehi x, è da tanto che non parliamo. Abbiamo un nuovo accordo per te: vieni a vedere!

Di solito, i preheader delle email hanno un limite compreso tra 85 e 100 caratteri, anche se è buona norma abbreviarlo a 80 caratteri per i dispositivi mobili.

5. Implementa test A/B

Il test A/B avviene quando invii due tipi di modelli di email di marketing, ciascuno con una leggera variazione. Quindi, confrontando i loro risultati, puoi determinare quale contenuto è più efficace nel generare conversioni. Risciacqui e ripeti questo processo per ogni variazione.

Il test non è affascinante, ma è potente. È così che troverai la formula perfetta per le tue email di marketing. I test aiutano ad apportare modifiche spietatamente se la tua strategia smette di funzionare.

Da solo 45% degli esperti di email marketing B2B utilizzano i test A/B, sarai nella minoranza illuminata. Saprai cosa attirerà l’attenzione del tuo lettore.

6. Ottimizza per la visualizzazione mobile

I dispositivi mobili hanno dimensioni e funzionalità dello schermo diverse rispetto alle loro controparti desktop. Ciò significa che gli esperti di marketing B2B devono creare contenuti leggibili e coinvolgenti, indipendentemente dal formato.

Il nome del gioco qui è contenuto “responsive”. Significa che dovrebbe ridimensionarsi automaticamente per adattarsi alle dimensioni dei dispositivi senza rovinare tutto.

Ciò significa che devi evitare più colonne di testo e attenersi a caratteri e dimensioni del testo ottimizzati per i dispositivi mobili.

I tuoi pulsanti di contatto, qualunque essi siano Telefono dei team Microsoft numeri o e-mail aziendali: dovrebbero essere ben visibili e cliccabili. Se il tuo lettore può fare clic sul testo evidenziato e chiamare o scrivere immediatamente un’e-mail, rimuove le barriere alla comunicazione e rende più probabile una conversione.

7. Monitora e analizza le prestazioni della posta elettronica

Per ottenere il massimo dalle tue campagne e-mail, hai bisogno di un modo per monitorare i loro indicatori di prestazione.

Di solito, gli esperti di marketing monitorano le frequenze di rimbalzo, i tassi di conversione e la consegna delle e-mail. Avere accesso a questi dati significa che puoi prendere decisioni informate sulla tua strategia di marketing B2B piuttosto che avere una possibilità nel buio.

Il modo più semplice per farlo è attraverso una Piattaforma di email marketing dedicata come MailChimp, che ha test A/B integrati e un dashboard di analisi.

Oppure, come alternativa gratuita, puoi impostare Google Analytics per monitorare il traffico del sito web, le conversioni e le entrate create dalle tue campagne email. È una soluzione sorprendentemente adattabile: un solo account Google è in grado di monitorare le statistiche su più siti web. Ciò semplifica l’individuazione delle tendenze localizzate, indipendentemente dal fatto che tu stia creando contenuti di marketing per la versione europea del tuo sito Web o targetizzando qualche parte in Australia.

Conclusione

Ora dovresti essere pronto per affrontare la tua strategia di email marketing B2B. Ma non preoccuparti se non raggiunge immediatamente le vette che sognavi. Ricorda che questo è un processo di apprendimento: solo attraverso il monitoraggio costante e il miglioramento incrementale troverai il formato che risuona con la tua base di clienti.

Punti chiave

  • L’email marketing B2B è il metodo preferito per raggiungere i clienti.
  • Il contenuto della tua email dovrebbe essere personalizzato e dinamico per aumentare il coinvolgimento.
  • Testare e analizzare le prestazioni della posta elettronica dovrebbe essere un ciclo costante di miglioramento.

×

Ricevi la nostra newsletter
Sii il primo a ricevere gli ultimi aggiornamenti e tutorial.

Grazie per esserti iscritto!